Versione Beta

Cerca

VaticanNews

Il Papa: buddisti e cattolici, un rapporto da intensificare

Prima dell’udienza generale, Papa Francesco ha incontrato, nell’auletta dell’aula Paolo VI, una delegazione di monaci buddisti dalla Thailandia. L’auspicio che entrambe le religioni siano testimoni dei valori di “giustizia, pace e tutela della dignità umana”

Papa Francesco si augura che “buddisti e cattolici intensifichino il loro rapporto, progrediscano nella reciproca conoscenza e nella stima delle rispettive tradizioni spirituali”. Lo dice incontrando, prima dell’udienza generale, una delegazione di monaci buddisti dalla Thailandia, che ringrazia per il dono del loro Sacro Libro tradotto in lingua contemporanea dai monaci del Tempio Wat Pho.

“Si tratta di un segno tangibile della vostra generosità  - dice il Papa - e dell’amicizia che ci lega ormai da lunghi anni, un cammino fatto di piccoli passi”. E ricorda l’incontro in Vaticano tra il Beato Papa Paolo VI e il Venerabile Somdej Phra Wanaratana, immortalato in un grande quadro esposto all’ingresso del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso.

È mio vivo desiderio – conclude il Pontefice - che buddisti e cattolici intensifichino il loro rapporto, progrediscano nella reciproca conoscenza e nella stima delle rispettive tradizioni spirituali, e siano nel mondo testimoni dei valori della giustizia, della pace e della tutela della dignità umana.

 

16 maggio 2018, 12:00