Versione Beta

Cerca

Vatican News

Francesco ai confessori: amplificate la voce di Dio per i giovani

Ai sacerdoti e seminaristi che hanno concluso il Corso sul Foro interno, il Papa chiede di essere umili testimoni del perdono di Dio e di saper ascoltare i giovani alla ricerca della propria vocazione

Alessandro De Carolis - Città del Vaticano

Un “testimone della misericordia”, che sa ascoltare i giovani "prima di offrire risposte" facendo risuonare in loro la voce di Dio. Questa è la missione di un confessore secondo il Papa che ribadisce con forza come un sacerdote confessore non sia "la fonte della Misericordia né della grazia" ma "sempre solo strumento".

Francesco mette in guardia chi amministra il Sacramento della Riconciliazione a non impadronirsene come ne fosse egli stesso un dispensatore. "Questo - afferma - impedisce che Dio attui nei cuori. Questa consapevolezza - soggiunge il Papaq - deve favorire un’attenta vigilanza sul rischio di diventare i ‘padroni delle coscienze’, soprattutto nel rapporto con i giovani, la cui personalità è ancora in formazione e, perciò, molto più facilmente influenzabile”.

09 marzo 2018, 14:15