Versione Beta

Cerca

Vatican News
Messa a Lima presso la Base Aerea di Las Palmas Messa a Lima presso la Base Aerea di Las Palmas  

Francesco a Lima: l’amore per il prossimo contro ogni indifferenza

Un milione e 300 mila fedeli all’ultima Messa del Papa in Perù. Francesco richiama ancora alla speranza e sfida giovani e anziani a mettersi in cammino per sostituire agli spazi di sfiducia e fuga, città di incontro e solidarietà. L’antidoto alla globalizzazione dell’indifferenza è vivere nell’oggi l’amore per Dio e per il prossimo

Cecilia Seppia - Città del Vaticano

L’ultimo grande incontro di questo 22esimo viaggio apostolico di Francesco è la Santa Messa celebrata nella Base Aerea Las Palmas di Lima. E qui sembra raccogliersi tutto il Perù per salutare il “Papa amico”, portatore di pace. Qui, dalle mani alzate di un milione e 300 mila fedeli, tra i colori delle bandiere, prendono il volo le speranze dei giovani, i sogni degli anziani. Francesco, instancabile, non lascia nessuno senza il suo abbraccio e poi nell’omelia ripete a gran voce di non avere paura perché Dio è con tutto il popolo, si lascia incontrare nella vita quotidiana, nell’intimità delle mura domestiche, ma anche “nel rumore assordante delle strade polverose”.

Il volto del futuro

Eppure a volte, nota il Pontefice nell’omelia, sapere che Dio è in movimento sembra non bastare e accade come per Giona, mandato a convertire i Niniviti, di perdere fiducia, di voler fuggire o nascondersi di fronte alle tante situazioni di dolore e ingiustizia che stritolano le nostre città.

Guardando la città potremmo cominciare a constatare che ci sono vi sono cittadini che ottengono i mezzi adeguati per lo sviluppo della vita personale e familiare, però sono moltissimi i “non cittadini”, i “cittadini a metà” o gli “avanzi urbani” che stanno ai bordi delle nostre strade, che vanno a vivere ai margini delle nostre città senza condizioni necessarie per condurre una vita dignitosa, e fa male constatare che molte volte tra questi “avanzi umani” si trovano volti di tanti bambini e adolescenti. Si trova il volto del futuro. 

La sindrome di Giona

La grande sfida, rimarca il Papa è fare delle nostre città luoghi di incontro, solidarietà e gioia, rifuggendo la “sindrome di Giona” che genera spazi di fuga e indifferenza e ci trasforma in “sordi davanti agli altri”, “esseri impersonali dal cuore asettico”, e questo atteggiamento fa male all’anima del popolo, mentre “la misura dell’umanità, si determina essenzialmente nel rapporto con la sofferenza e il sofferente”.

Questo vale per il singolo come per la società. Una società che non riesce ad accettare i sofferenti e non è capace di contribuire mediante la compassione a far sì che la sofferenza venga condivisa e portata anche interiormente è una società crudele e disumana.

Il Regno di Dio è vicino

L’impegno è di metterci in cammino, come Gesù che dopo l’arresto ingiusto e doloroso di Giovanni Battista, entra lo stesso in Galilea per seminare la grande speranza dell’arrivo del Regno di Dio. Comincia con Simone e Andrea, e passando per Santa Rosa da Lima, San Toribio, San Martino de Porres, arriva fino a noi

E’ arrivato fino a noi per impegnarsi nuovamente come un rinnovato antidoto contro la globalizzazione dell’indifferenza. Perché davanti a questo Amore non si può rimanere indifferenti.

Vivere l’amore per il prossimo

Gesù, afferma Francesco, “ha chiamato i suoi discepoli a vivere nell’oggi ciò che ha il sapore di eternità: l’amore per Dio e per il prossimo”, creando nuovi legami, nuove alleanze. Il richiamo è dunque sempre alla speranza, ma anche alla conversione, “senza avere paura di fare di questa storia, una storia di salvezza”.

Gesù continua a camminare per le nostre strade, come ieri continua a bussare alle porte, a bussare ai cuori per riaccendere la speranza e gli aneliti: che il degrado sia superato dalla fraternità, l’ingiustizia vinta dalla solidarietà e la violenza spenta con le armi della pace.

Risvegliare la speranza

Servono testimoni audaci e discepoli missionari che possano essere fermento “lì dove ci è dato di vivere”, “nell’angolino di tutti i giorni” esorta il Papa sostenendo che il Regno dei Cieli è ovunque sappiamo usare tenerezza, ovunque riusciamo senza paura a creare spazi “perché i ciechi vedano, i paralitici camminino, i lebbrosi siano purificati”

Oggi il Signore ti chiama a percorrere con Lui la città, la tua città. Ti chiama  ad essere suo discepolo missionario, e così a diventare partecipe di quel grande sussurro che vuole continuare a risuonare in ogni angolo della nostra vita: Rallegrati, il Signore è con te!

Siate i santi del XXI secolo

Al termine della messa, Francesco rivolge il suo saluto e il suo grazie all’arcivescovo di Lima, il cardinale Juan Luis Cipriani, ai vescovi, al presidente del Perù, Pedro Pablo Kuszynski, ai volontari e a tutto il popolo peruviano, ringrandianzoli per l’accoglienza ricevuta nel corso di tutta la visita, che ha lasciato, ammette Papa Bergoglio, “un’impronta indelebile nel mio cuore”.

Tutti vi invito a non aver paura di essere i santi del XXI secolo. Fratelli peruviani, avete tanti motivi per sperare, l’ho visto, l’ho toccato con mano in questi giorni. Custodite la speranza, ché non ve la rubino! E non c’è miglior modo di custodire la speranza che rimanere uniti, perché tutti questi motivi che la sostengono crescano ogni giorno di più.

 

Ultimo aggiornamento ore 23.31

 

 

Photogallery

Le Foto della Messa
21 gennaio 2018, 22:55