Versione Beta

Cerca

Vatican News
IN CIAD SI MUORE DI FAME NEL SILENZIO DEL MONDO IN CIAD SI MUORE DI FAME NEL SILENZIO DEL MONDO  (ANSA)

Giornata internazionale per lo sradicamento della povertà. Papa: un dovere liberare mondo dalla fame

Si celebra oggi la giornata internazionale per lo sradicamento della povertà e della fame nel mondo. La data è stata fissata dall'Onu per richiamare i governanti e ciascun cittadino alla responsabilità nei confronti dei più deboli. Nostra intervista a Massimo Pallottino, portavoce di GCAP, Coalizione italiana contro la povertà

di Adriana Masotti

“La famiglia umana ha il dovere di aiutare ogni persona ad essere liberata dalla povertà e dalla fame”. Così Papa Francesco scrive, nel tweet di oggi, in occasione dell’odierna “Giornata internazionale per lo sradicamento della povertà”. Già domenica scorsa all'Angelus il Papa aveva ricordato: “La miseria non è una fatalità: ha delle cause che vanno riconosciute e rimosse, per onorare la dignità di tanti fratelli e sorelle, sull’esempio dei santi”.

La Giornata festeggia quest’anno un doppio anniversario: fu indetta infatti 25 anni fa dall’Onu su ispirazione e invito all’azione di padre Joseph Wresinski pronunciato il 17 ottobre di 30 anni fa. E proprio: Rispondere alla chiamata del 17 ottobre a porre fine alla povertà: una strada verso società pacifiche e inclusive” è il tema di quest’anno.

L'Agenda delle Nazioni Unite che fissa gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile entro il 2030, definisce l'eliminazione della povertà come l’obiettivo principale e obbliga tutti i Paesi a porre fine alla povertà in tutte le sue forme, attraverso strategie che garantiscano il rispetto dei diritti umani per tutti. L'importanza della consapevolezza, della voce e della partecipazione attiva delle persone che vivono in povertà è riconosciuta sia nell'Agenda che nel processo di consultazioni guidate dalle Nazioni Unite che hanno permesso l’ascolto delle preoccupazioni e delle priorità di milioni di poveri, in particolare di quelli che vivono nella povertà più estrema.

“ Sulla terra c’è abbastanza per soddisfare i bisogni di tutti ma non per soddisfare l’ingordigia di pochi. La povertà è la forma più grave di violenza. (Mahatma Gandhi) ”

Oltre alla celebrazione di questa Giornata Internazionale organizzata a New York, in tutto il mondo vengono promosse oggi diverse iniziative di solidarietà. Sradicare la povertà e la fame nel mondo richiede però impegno costante, non solo da parte dei leader mondiali, nè soltanto da parte di chi si occupa, attraverso il volontariato o l'associazionismo, degli indigenti; sradicare la povertà è responsabilità di ciascuno di noi. E' quanto sostiene Massimo Pallottino, portavoce di GCAP Italia, Coalizione italiana contro la povertà. Sta ad ognuno vigilare sui propri governanti per ottenere da loro politiche adeguate, e nel proprio quotidiano prestare attenzione al proprio territorio e ai consumi personali. Pallottino sostiene inoltre che se la povertà in termini globali è in calo a partire dal XX secolo, è vero anche che le persone più vulnerabili oggi lo sono diventate ancora di più. "Il problema della povertà, conclude,  è un problema di diseguaglianza e la risposta che dobbiamo dare ai poveri è una risposta in termini di sistema".

Ascolta l'intervista integrale a Massimo Pallottino

Giornata contro la povertà
17 ottobre 2017, 10:49