Cerca

Vatican News

La Giornata dei bambini “invisibili”: dalla strada alla scuola di Rango in Rwanda

Si celebra il 12 aprile la decima Giornata mondiale dei bambini di strada, che l’Onu stima in quasi 150 milioni nel mondo. I salesiani di Rango, in Rwanda, aprono le porte della loro scuola professionale ai minori “senza famiglia”: “Cercano gentilezza, cibo e di tornare tra i banchi, per costruirsi un futuro di speranza”

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

I “meninos de rua” solcano con i loro piccoli piedi non solo le strade di Rio e di tutto il Brasile, da dove viene il loro nome più conosciuto, ma quelle spesso pericolose e quasi sempre indifferenti di tutto il mondo. Street children, chicos de la calle, mosquitos, bambini di strada: secondo l’Onu, che nel 1989 ha approvato la Convenzione sui diritti dell’Infanzia, e nel 2017 il Commento generale sui bambini di strada, sono quasi 150 milioni, nel mondo, i minori “per i quali la strada rappresenta la casa e/o la principale fonte di sostentamento e che non sono adeguatamente protetti o sorvegliati". La definizione è dell’Unicef, il Fondo delle Nazioni unite per l’infanzia, ma la Giornata mondiale dei bambini di strada, che si celebra oggi 12 aprile, è stata istituita nel 2011 dal Consorzio per i bambini di strada (Csc), rete globale che riunisce oltre cento ong che lavorano in 135 Paesi per offrire un futuro ai bambini di strada e far sentire le loro voci.

L’Onu chiede ai governi di dar loro i diritti di tutti i minori

I bambini di strada sono privati dei loro diritti fondamentali, primi fra i quali quello alla protezione, all’accesso ai servizi essenziali di assistenza sociale e sanitaria, all’istruzione, alle cure della famiglia. E in Etiopia come nel Congo, in India e in Myanmar, a Timor Est e nelle Filippine, in Equador e in Brasile, ma anche in Europa, continuano a crescere, anche a causa della pandemia e dell’impoverimento delle famiglie. Questo nonostante l’Onu, nel suo Commento generale del 2017, abbia fornito ai governi linee guida autorevoli per assicurare che i bambini di strada abbiano l’accesso agli stessi diritti di cui godono tutti gli altri minori. Ma è difficile anche fare stime sul loro numero reale, poiché questi bambini sembrano quasi non esistere, sfuggono alle statistiche e ai censimenti e sono esclusi dalle politiche statali. Finiscono per avere la strada come casa per povertà, instabilità familiare, violenza ed abusi, guerre o cataclismi naturali, e naturalmente migrazione solitaria per tutte queste cause.

Bambini di strada di Rango dissetati dai parrocchiani della chiesa di San Giovanni Bosco
Bambini di strada di Rango dissetati dai parrocchiani della chiesa di San Giovanni Bosco

Rwanda: i bambini di strada di Rango e la scuola Don Bosco

A Rango, nel sud del Rwanda, distretto di Huye, nella parrocchia San Giovanni Bosco, creata nel 1996 dai missionari salesiani, è arrivato a chiedere un pezzo di pane Kande (nome di fantasia, n.d.r), che racconta di essere finito in strada “quando avevo 10 anni. Ora ne ho 16. La vita era dura. A volte la polizia veniva ad arrestarci e ci portava al centro di riabilitazione di Mbazi e stavamo lì per circa cinque mesi, e tu tornavi e lottavi per trovare anche solo dove dormire e alla fine dovevamo dormire sotto i ponti". Accanto a lui mangia la sua minestra offerta dal parroco don Remy e dai suoi volontari, Dakarai, andato a mendicare in strada dopo che la madre ha ucciso il padre in una lite familiare ed è finita in carcere. “Ho continuato a vivere in strada per circa 13 anni – racconta - finora ho avuto la possibilità di studiare meccanica grazie ai salesiani di Don Bosco ".

Un centro di formazione dal 1996, 2 anni dopo il genocidio

Accanto alla parrocchia è attivo infatti, sempre dal 1996, due anni dopo il terribile genocidio di 800 mila tutsi e hutu moderati, il Centro di Formazione Professionale “Don Bosco” di Rango, che nell’anno scolastico 2020, prima dell’arrivo della pandemia, aveva 100 studenti nei corsi di edilizia, sartoria, saldatura, meccanica, cucina, falegnameria, discipline alberghiere e parrucchieria, che di recente offre anche corsi per estetiste.

Bambini di strada nel cortile del Centro di formazione professionale di Rango, in Rwanda
Bambini di strada nel cortile del Centro di formazione professionale di Rango, in Rwanda

“Anche se non mangi, torni a scuola per un obiettivo”

"Sono grato ai sacerdoti perché mi hanno portato alla formazione professionale – spiega Juvenal – oggi studio meccanica con i miei coetanei ma non abbiamo tutto quello che ci serve. Ci mancano uniformi scolastiche, e anche camicie e scarpe sono difficili da trovare a causa della povertà. Ma se ti manca qualcosa da mangiare sopporti e torni a scuola perché hai un obiettivo da raggiungere".

Don Remy: presto una cucina per il pranzo

“Vengono dalla strada chiedendo di mangiare e molti riusciamo ad inserirli nei corsi professionali come quelli di meccanico e calzolaio – racconta il parroco don Remy Nsengiyumva – gli offriamo materiale scolastico e uniformi, ma il problema è il cibo. Alcuni infatti vivono completamente per strada, altri ricevono da mangiare nelle famiglie di accoglienza. altri ancora mangiano solo la sera dove studiano per i corsi tecnici”. Per loro, don Remy e i suoi parrocchiani stanno organizzandosi per realizzare una piccola mensa e cucinare a mezzogiorno, quando finiscono le lezioni al Centro professionale.

La chiesa di San Giovani Bosco a Rango, in questo momento in ristrutturazione
La chiesa di San Giovani Bosco a Rango, in questo momento in ristrutturazione

“Quando vedono che li trattiamo bene, lasciano la strada”

Non è ancora un vero progetto, si schermisce il parroco salesiano, originario del Burundi, anche se ha già un nome "Ejo heza", "Meglio domani", ed è stato avviato quando all’inizio della pandemia in Rwanda, nella primavera dal 2020, i bambini dalla strada hanno cominciato a bussare alla parrocchia. Con il passaparola, “visto che i loro compagni sono stati trattati bene”, ricorda don Remy, “ora vengono in gran numero. Non li abbiamo ancora registrati, ma lo faremo presto. Chiediamo a tutti coloro che possono di darci una mano”.

Una scuola dalle porte aperte per i minori vulnerabili

Il Centro salesiano di Rango ha una lunga tradizione di accoglienza dei minori in difficoltà: nel settembre del 2015 ha aperto le porte dei suoi corsi professionali a 75 giovani rifugiati provenienti dal Burundi, e i parrocchiani si sono impegnati per offrire generi alimentari, abiti e altro materiale per aiutare i rifugiati che vivevano nel campo profughi allestito in città. Ma anche i tanti giovani locali che hanno frequentato il corso hanno raccontato ai media salesiani storie terribili di abbandono, come quella di Ishimwe, nata nel 1996 in un campo profughi nella Repubblica Democratica del Congo, dove la sua famiglia si era rifugiata per sfuggire al genocidio del 1994. Aveva solo tre mesi quando scoppiò una guerra civile anche in Congo, i ribelli attaccarono il campo e i genitori furono separati. In braccio al padre tornò in Rwanda, e fu affidata alla nonna materna, mentre il padre si risposò e non si fece più vivo. La madre intanto si era rifatta una famiglia in Congo, e la nonna anziana, raccontava la ragazza, “non ha più la forza di lavorare nei campi per mantenermi e pagarmi le spese scolastiche”, chiedendo aiuto per poter proseguire il suo corso di cucina a Rango. Storie simili di ragazzi orfani o abbandonati dai parenti, che vedono nello studio l’unica salvezza, riempiono le aule del Centro di formazione professionale dei salesiani.

Don Hubert Twagirayezu, economo dei salesiani di Rwanda, Uganda e Burundi
Don Hubert Twagirayezu, economo dei salesiani di Rwanda, Uganda e Burundi

Don Hubert: i loro diritti violati, di più nella pandemia

In tutto il Rwanda l'Unicef stima che vi siano circa 7 mila bambini di strada, ma altri 300mila che vivono in 65mila famiglie (quindi quasi in 5 fratelli e sorelle) con un minore come capo famiglia. La pandemia, con la conseguente crisi economica di molte famiglie, la chiusura delle scuole e la violenza domestica hanno portato all’aumento del numero di bambini di strada. “Per farli uscire da questa vita senza speranza, la prima cosa di cui hanno bisogno è che gli venga mostrata gentilezza, che abbiano qualcosa da mangiare e che tornino a scuola” ci dice don Hubert Twagirayezu, 39 anni, rwandese, economo della visitatoria salesiana “San Carlo Lwanga” dell’ Africa Grandi Laghi (Agl), che copre Rwanda, Uganda e Burundi. Don Hubert, come molti dei ragazzi di Rango, è rimasto molto presto senza genitori, morti prima della guerra civile in Rwanda, ed è stato cresciuto dai nonni. Così ci racconta gli sforzi dei salesiani “per il futuro dei bambini e dei giovani più vulnerabili”.

Ascolta l'intervista a don Hubert Twagirayezu

R.- In Rwanda i salesiani di Don Bosco svolgono la loro missione tra i bambini e giovani poveri, e a Rango, nel distretto di Huye, aiutiamo più di 120 bambini di strada, ma a livello nazionale sono molti di più. La situazione dei bambini di strada in Rwanda è causata da diversi fattori: la situazione familiare, con genitori separati, e le situazioni di estrema povertà, che non consentono alle famiglie di provvedere ai bisogni primari dei propri figli, come cibo, istruzione, cure mediche. Ma la povertà non è l'unico fattore: i bambini sono spesso vittime di abusi, violenza, maltrattamenti che crescono nella strada. La situazione dei bambini che vivono per strada è caratterizzata da un'elevata incertezza e da una continua violazione dei loro diritti: da quello all'istruzione al diritto alla salute, alla protezione, al cibo, a vivere con i genitori. Hanno abbandonato tutti la scuola, e spesso svolgono un lavoro difficile per guadagnare pochi centesimi. Trasportano borse pesanti, vanno a prendere l'acqua, raccolgono e vendono pezzi di metallo e bottiglie di plastica vuote e vetro. La maggior parte di loro soffre di malnutrizione e altre malattie come dissenteria, malaria e scabbia. Sulla strada i bambini soffrono anche di mancanza di sonno: si fermano solo qualche ora al giorno su un cartone e dormono con un occhio aperto per paura che qualcuno rubi le poche cose che hanno. Molti rischiano l'assunzione di droghe per dimenticare i propri problemi.

Ancora i bambini di strada di Rango nel cortile del Centro di formazione professionale salesiano
Ancora i bambini di strada di Rango nel cortile del Centro di formazione professionale salesiano

La pandemia ha aggravato il fenomeno in Rwanda e le condizioni di vita di questi ragazzi?

R. - Quando il Covid-19 è arrivato in Rwanda la situazione di questi bambini è peggiorata e il numero dei bambini di strada cresce ogni giorno, perché molte famiglie non hanno cibo a sufficienza, non possono rispondere ai bisogni dei loro figli perché hanno perso di lavoro. I bambini quindi hanno come unica possibilità e speranza la vita nella strada: pensano che lì troveranno, per esempio, del cibo oppure un aiuto. Quando la pandemia ha fermato l’attività scolastica, molti bambini non sapendo cosa fare, da mattina a sera restavano in strada senza fare niente. Così hanno imparato molte cose sbagliate: rubare o consumare droghe. Quindi c'è sempre il rischio di trovare anche alcuni di loro in prigione, perché hanno commesso reati.

Qual è l'impegno dei salesiani per i bambini di strada in Rwanda?

R. - Nell'anno 2016 il progetto per i bambini di strada è stato avviato dai volontari di Don Bosco di Bonn, in Germania, ed ora prosegue soprattutto con l’accoglienza di della parrocchia di San Giovanni Bosco a Rango. L'assistenza, la scuola e i contatti con le famiglie continuano a funzionare in una linea di integrazione socio-economica ed educativa. Il nostro obiettivo è toccare diversi aspetti della persona: sia la cura del proprio corpo, che la sospensione dell'uso di droghe. I bambini vengono curati, imparano nuovamente l'igiene, praticano lo sport. Dal punto di vista psicologico cerchiamo di ascoltare questi bambini, per aiutarli a riprendersi piano piano del trauma, e a ritrovare fiducia in sè stessi e negli altri. Noi salesiani di Don Bosco vogliamo che i ragazzi siano felici, che continuino a studiare e imparino a leggere, ma anche a giocare. Vogliamo che questi bambini ricevano nuovi vestiti, uniformi, e che recuperino il rispetto per gli adulti e gli altri bambini. Ma vogliamo anche che questi bambini possano partecipare all'attività di preghiera del centro salesiano, nel rispetto della sensibilità e della storia di ciascuno poiché il centro accoglie bambini di tutte le fedi.

Il missionario salesiano di origine croata, don Darko, con gli studenti del centro di formazione
Il missionario salesiano di origine croata, don Darko, con gli studenti del centro di formazione

Ci racconti come è iniziato l'impegno della parrocchia di don Remy: sono coinvolti anche i parrocchiani come volontari? E cosa riesce a fare ora?

R. – La parrocchia dove si svolge questa attività di aiutare i bambini di strada si chiama San Giovanni Bosco di Rango, il parroco è Don Remy, un salesiano burundese, che ha iniziato questo programma durante la pandemia. Perché i giovani venivano a chiedere aiuto ogni giorno, e il parroco è riuscito a fornire un po' di cibo, sapone e vestiti. La parrocchia ha alcuni volontari che lo aiutano ogni giorno per seguire questi giovani. Don Remy vuole fare tante cose: cerca di richiamare i bambini dalla strada, in collaborazione con i parrocchiani, per sostenerli nelle loro necessità.

Si sta pensando anche al problema della cena e di un posto sicuro per far dormire questi bambini?

R. - Da tanti mesi i salesiani stanno pensando come aiutare un numero maggiore di bambini in questa zona: guardando la situazione attuale e il numero dei bambini presenti nella zona di Rango, i salesiani vorrebbero aumentare la preparazione di cibo a sufficienza per tutti, ma abbiamo ancora bisogno di un sostegno economico. Abbiamo anche il progetto di costruire per loro un centro di ospitalità per poter fornire a loro una vera protezione e stare con loro ogni minuto. Anche per questo abbiamo bisogno dell'aiuto di persone di buona volontà: con il loro aiuto, possiamo fare tante cose per il futuro di questi bambini.

Bambini di strada e studenti del centro di formazione professionale Don Bosco di Rango a pranzo
Bambini di strada e studenti del centro di formazione professionale Don Bosco di Rango a pranzo

Quanti di questi ragazzi, magari i primi aiutati dal centro professionale, hanno trovato un lavoro grazie ai vostri corsi?

R.- I salesiani offrono a quei giovani la formazione professionale, e dopo 5 anni abbiamo alcuni di loro che hanno completato la loro formazione tecnica. Di recente, ho incontrato uno di loro che ha detto di aver bisogno di una cassetta degli attrezzi in più per poter svolgere bene il suo lavoro.

Cosa chiedete, nel giorno che l'Onu dedica ai bambini di strada, alla Chiesa, ai cristiani d'Occidente e alle istituzioni internazionali?

R. – In occasione della Giornata mondiale di questi bambini, chiediamo alle Nazioni Unite, alla Chiesa e ai Paesi occidentali di aiutarci finanziariamente a proteggere i bambini a rischio e di sensibilizzare la comunità mondiale a promuovere il rispetto della dignità dei bambini vulnerabili del mondo. Se troviamo un aiuto finanziario, possiamo fornire a questi bambini un quadro giuridico per l’accoglienza e ascolto in strada, per aiutarli con programmi di reinserimento familiare. Se troviamo un aiuto, possiamo garantire l’inserimento scolastico e familiare dei bambini di strada, possiamo collaborare con i servizi sociali e le organizzazioni non governative, per sviluppare e applicare un quadro giuridico per il loro inserimento nella società. Possiamo anche garantire buone condizioni igieniche e sanitarie, organizzare attività sportive e culturali, e possiamo garantire da mangiare, e visite scolastiche in famiglia ai bambini con una casa.

Photogallery

San Giovanni Bosco, una parrocchia aperta ai minori vulnerabili
12 aprile 2021, 08:30