Cerca

Vatican News
Latifa Ibn Ziaten Latifa Ibn Ziaten 

Latifa Ibn Ziaten, una mamma a servizio della pace

La presidentessa dell'associazione IMAD, che lavora per la riconciliazione e il dialogo, in particolare nelle scuole è, assieme al segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, vincitrice del Premio Zayeb che verrà assegnato domani, in occasione dell’incontro per la prima Giornata Internazionale della Fratellanza Umana

Olivier Bonnel - Città del Vaticano

È un premio che riconosce il coraggio e la resilienza di una madre che non si è mai rassegnata. Nata a Tetouan, in Marocco nel 1960, ha trascorso i primi nove anni della sua vita in Spagna. Tornata in Marocco, viene affidata alle cure del padre in compagnia di fratelli e sorelle, in seguito alla morte della madre. All'età di 17 anni si trasferisce in Francia, partendo per raggiungere il marito, ferroviere della rete nazionale SNCF.

Allevando i suoi quattro figli maschi e sua figlia, attribuisce particolare importanza al monitoraggio dei loro studi. La sua vita cambierà l'11 marzo 2012: suo figlio Imad, paracadutista militare, viene assassinato dal terrorista Mohamed Merah davanti alla sua caserma a Tolosa. Per Latifa, dietro il dolore di perdere un figlio, c'è già la volontà di superare il ciclo infernale della violenza. Il 24 aprile 2012 crea l'associazione IMAD per la gioventù e la pace.

Lavoro instancabile nelle scuole

Essendo diventata suo malgrado un personaggio pubblico, Latifa Ibn Ziaten investe le sue energie per comprendere le radici di questa violenza. Visita la città dove è cresciuto Mohamed Merah, l'assassino di suo figlio. Da allora, non smette di attraversare la Francia per avviare il dialogo e far parlare i più giovani, in quartieri difficili, tenendo presente l'importanza del rispetto degli altri e della conservazione della coesione sociale.

Latifa Ibn Ziaten è diventata oggi una delle figure che incarnano il desiderio di dialogo e di pace in una Francia scossa da attacchi e tentazioni di chiudersi in sé stessi. "Il mio pensiero sincero va alla comunità cattolica", ha scritto dopo l'attentato che ha colpito la basilica Notre-Dame di Nizza il 30 ottobre, aggiungendo: "Prego per tutte queste famiglie ferite. Di fronte alla violenza, di fronte all'odio, all'ignoranza e all'intolleranza, restiamo uniti. Agiamo per amore e per la pace ".

Una lotta ancora attuale

Il lavoro dell'associazione IMAD e della sua presidente continua nonostante gli ostacoli. Alcuni l'hanno criticata per essere velata, in un Paese in cui la questione rimane delicata. Nell'estate del 2019, la sua casa è stata vandalizzata e uno dei suoi figli è stato brutalmente aggredito da estranei. Ma dalle avversità Latifa Ibn Ziaten sembra trarre ogni volta nuova forza. Decorata con la Legion d'Onore nel marzo 2016, è stata promossa al grado di ufficiale nell'Ordine al merito nazionale il primo gennaio.

“La storia di Latifa Ibn Ziaten testimonia la capacità dell'uomo di superare tutte le prove, senza rassegnarsi né cedere al risentimento o al desiderio di vendetta, ma con speranza. L'aver conosciuto il peggio non impedisce di credere nel meglio e dà la forza di agire per farlo accadere ", si legge sul sito dell'associazione IMAD. Una lotta per la pace ancora attuale.

03 febbraio 2021, 16:00