Cerca

Vatican News

Il Polittico ricostruito. La mostra di Bologna ora sul web

Il Polittico Griffoni, dipinto nel Rinascimento da Francesco del Cossa ed Ercole de’ Roberti, è eccezionalmente ricomposto dopo 300 anni dal suo smembramento all'interno della mostra ‘La riscoperta di un capolavoro’, allestita a Palazzo Fava di Bologna . Chiusa a causa della pandemia l'esposizione sbarca sul web offrendo ai visitatori un'esperienza virtuale di qualità

Paolo Ondarza - Città del Vaticano

La straordinaria grazia della mano di santa Lucia e dei suoi occhi fiorati, la forza plastica della figura di san Floriano che sembra scavalcare il davanzale dal quale si affaccia, i dettagli delle vesti, le architetture possenti ed eleganti, gli ori e gli azzurri accesi, gli  incredibili sfondi paesaggistici e architettonici.

Francesco del Cossa, Santa Lucia, National Gallery of Art, Washington
Francesco del Cossa, Santa Lucia, National Gallery of Art, Washington

Grazie all'alta digitalizzazione delle immagini emergono nitidamente tutti i dettagli del Polittico Griffoni, capolavoro del Rinascimento ferrarese dipinto da Francesco del Cossa ed Ercole de’Roberti ed esposto nei mesi scorsi a Palazzo Fava di Bologna all'interno della mostra "La Riscoperta di un Capolavoro". 

Francesco-del-Cossa, Crocefissione, National-Gallery-of-Art-Washington
Francesco-del-Cossa, Crocefissione, National-Gallery-of-Art-Washington

Le 16 tavole disperse

Se le porte dei Musei e dei luoghi della cultura restano chiusi a causa dell’emergenza sanitaria, dal 4 dicembre Genus Bononiae porta nelle case degli amanti dell’arte l'esposizione che per la prima volta, a trecento anni dalla loro dispersione, ha riunito insieme le 16 tavole che componevano l’opera. L’esperienza digital viene proposta come idea per un originale dono natalizio e  consente anche di godere lo straordinario colpo d’occhio della sede espositiva, il Piano Nobile di Palazzo Fava, affrescato dai Carracci. I biglietti per la visita interattiva sono disponibili sul sito www.geniusbononiae.it e danno accesso ad un percorso online che attraverso vari tag consente al visitatore non solo di ascoltare una voce narrante, ma anche di vedere brevi video che entrano nel dettaglio delle singole tavole e delle loro peculiarità.

Ercole de' Roberti, Storie di san Francesco Ferrer, Pinacoteca Vaticana
Ercole de' Roberti, Storie di san Francesco Ferrer, Pinacoteca Vaticana

Da tutto il mondo

Realizzato a tempera su tavola tra il 1472 e il 1474 il Polittico Griffoni è stato smembrato nel 18mo secolo e immesso nel mercato antiquario in lotti separati: da allora i pannelli sono andati dispersi in varie collezioni internazionali: da Londra a Washington, dai Musei Vaticani a Milano, da Parigi a Rotterdam, da Venezia a Ferrara. Nel 1935 lo storico e critico d’arte Roberto Longhi è riuscito a ricostruirne virtualmente la composizione nel saggio Officina ferrarese. Alla mano di Francesco Del Cossa sono stati ricondotti gli scomparti principali dove, soprattutto nella resa prospettica, nella monumentalità dei personaggi e nella luminosità, si avverte l’influsso di Piero della Francesca. Le figure della predella, la parte inferiore del polittico, con le “Storie di san Vincenzo Ferrer” della Pinacoteca Vaticana e quelle dei santi nei pilastrini laterali sono state attribuite invece ad Ercole de’ Roberti.

Il virtual tour della mostra
Il virtual tour della mostra

Un segnale in tempo di crisi

A chi acquisterà il biglietto per la visita virtuale sarà data la possibilità, alla riapertura dei musei, di un ingresso a costo ridotto in una delle sedi del circuito Genus Bononiae.  “La creazione di una visita virtuale, da fruire con i propri tempi e nella serenità di casa propria” – dichiara Fabio Roversi-Monaco, presidente di Genius Bononiae, se anche non potrà mai eguagliare l’emozione di entrare in un museo, crediamo sia un segnale importante e speriamo venga apprezzato dal pubblico. Acquisito e regalato, anche come segnale di attenzione ad un settore, quello culturale, che rischia di uscire devastato in termini economici da questa pandemia”.

01 dicembre 2020, 13:46