Cerca

Vatican News
Un'immagine del naufragio scattata dagli operatori della Open Arms Un'immagine del naufragio scattata dagli operatori della Open Arms 

Naufragio a largo della Libia, sei morti tra cui un bimbo di sei mesi

A bordo di un gommone affondato nel Mediterraneo erano presenti circa 100 migranti. Le operazioni di soccorso sono state condotte dalla Open Arms che denuncia il fermo amministrativo delle altre navi delle Ong. Don Santoro: Europa miope

Marco Guerra e Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Ennesima giornata drammatica ieri nel Mediterraneo. A largo delle coste libiche un’imbarcazione con circa 100 migranti è naufragata, provocando almeno sei morti, fra cui un bambino di 6 mesi.

La dinamica della tragedia

Il gommone non ha retto e ha ceduto a circa 30 miglia a nord di Sabratha. La scena che si è presentata davanti ai soccorritori della Ong Open Arms ripete le dinamiche di tutte le tragedie dell’immigrazione: persone in acqua, prive di salvagente, che tentano di salvarsi aggrappandosi a qualsiasi cosa galleggi. Sei di loro non ce l’hanno fatta tra cui un bimbo di sei mesi della Guinea.

Polemica sul blocco delle ong

La Guardia costiera italiana, verificata l’indisponibilità di altri Stati della regione, ha inviato una motovedetta con personale medico, ma Open Arms polemizza con le autorità ricordando di essere l’unica realtà rimasta ad operare nel Mediterraneo dopo i fermi amministrativi delle altre imbarcazioni delle Ong. E in serata è proseguita l’attività di salvataggio della organizzazione spagnola. La nave già carica di 198 migranti ha ultimato il soccorso di un'altra imbarcazione con 65 persone a bordo.

Don Santoro: Miopia dell’Europa

“E’ successo quello che temevamo, per causa della miopia delle autorità italiane ed europee. Si impedisce di raggiungere le persone che invece continuano a muoversi per motivi economici o per scappare dalla guerre e il Mar Mediterraneo è diventato un grande cimitero”, così don Alessandro Santoro, impegnato nell’accoglienza dei migranti. “Le responsabilità sono grossissime è inaccettabile che questo continui a succedere e noi dobbiamo a queste persone il nostro impegno, fino in fondo”, aggiunge il sacerdote.

Ascolta il servizio con l'intervista a don Santoro
12 novembre 2020, 08:47