Cerca

Vatican News
Popolazione in fuga dagli attacchi di Boko Haram Popolazione in fuga dagli attacchi di Boko Haram  (AFP or licensors)

Camerun: il timore dei cristiani per gli attacchi di Boko Haram

Non solo la Nigeria. I miliziani fondamentalisti del gruppo Boko Haram colpiscono da anni anche in Camerun, Ciad e Niger. Negli ultimi due mesi si sono intensificati gli attacchi nella regione dell’Estremo nord del Camerun. La testimonianza di un parroco della diocesi di Maroua-Mokolo

Elvira Ragosta – Città del Vaticano

“Dal 2014 le popolazioni della nostra diocesi subiscono gli attacchi dei Boko Haram, che distruggono e bruciano case e scuole, rubano animali, raccolti e i materiali didattici degli studenti e rapiscono le persone, soprattutto i giovani che non hanno lavoro”. Così don Daniele Denguez, cancelliere alla diocesi di Maroua-Mokolo, nel nord del paese. Raggiunto telefonicamente in Camerun, don Daniele descrive la difficile situazione della popolazione in questa zona del paese africano, in cui, ricorda, negli scorsi mesi di dicembre e gennaio i villaggi e le comunità della diocesi sono stati colpiti quasi ogni giorno.

Ascolta l’intervista a don Daniele Denguez

Il vescovo Ateba ad Acs: popolazioni locali impotenti

Nei giorni scorsi anche il monsignor Bruno Ateba, vescovo di Maroua-Mokolo aveva descritto ad Aiuto alla Chiesa che Soffre l’impotenza delle popolazioni locali di fronte all’apparente invincibilità del gruppo terrorista che ormai da qualche anno ha varcato i confini della Nigeria e terrorizza Paesi vicini quali lo stesso Camerun, il Niger e il Ciad. “Non passa giorno in cui non vi sia notizia di nuovi attacchi e incursioni dei terroristi dalla frontiera tra Camerun e Nigeria - dice monsignor Bruno Ateba nel comunicato diffuso da Acs -. I rapimenti e le esecuzioni dei contadini hanno portato ad un vero e proprio regno del terrore”.

Il gruppo fondamentalista

Secondo i dati dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, dal 2009 il gruppo jihadista Boko Haram, la cui traduzione letterale significa “l’educazione occidentale è peccato”, ha provocato oltre 36mila vittime e costretto circa 2 milioni di persone a scappare dalle loro case.

03 febbraio 2020, 13:00