Cerca

Vatican News

Elezioni nel Regno Unito, il cardinale Nichols: vedere sempre il bene dell’altro

Nel Regno Unito, la vittoria dei conservatori alle elezioni dello scorso 12 dicembre si riflette ora in una data: Londra dirà addio a Bruxelles entro il 31 gennaio 2020. Il cardinale Vincent Nichols esorta a “lasciarsi alle spalle” quel clima “tossico” che, negli ultimi tempi, ha predominato nel Paese

Amedeo Lomonaco – Città del Vaticano

Dopo il voto a favore dei conservatori e il chiaro sostegno ad un primo ministro determinato a siglare il divorzio dall’Unione europea, appaiono ormai scontati i prossimi passi del Regno Unito. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato che Londra onorerà il mandato “schiacciante” ricevuto dal popolo inglese e lo farà entro il prossimo 31 gennaio.

Ue: Londra approvi accordo prima possibile

L’Unione europea, intanto, è pronta a discutere gli aspetti operativi della Brexit. Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha dichiarato “di aspettarsi che il Parlamento britannico ratifichi prima possibile l’accordo negoziato”. Il Consiglio europeo riconferma inoltre “il suo desiderio di stabilire una relazione futura la più stretta possibile col Regno Unito, in linea con la dichiarazione politica e nel rispetto delle linee guida e le dichiarazioni del Consiglio europeo".

Congratulazioni di Trump

Il presidente statunitense Donald Trump è stato tra i primi a complimentarsi per il risultato: “La Gran Bretagna e gli Stati Uniti - ha scritto su Twitter - saranno ora liberi di concludere un nuovo vasto accordo commerciale dopo la Brexit”. “Questa intesa – ha aggiunto infine Trump - ha il potenziale di essere il più grande ed il più vantaggioso di qualsiasi accordo con l’Unione Europea”. 

Cardinale Nichols: sia un nuovo inizio dopo clima tossico

Commentando l’esito delle elezioni, il cardinale Vincent Nichols, presidente della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles ha dichiarato infine che “questo risultato offre un nuovo inizio ma deve essere un inizio davvero nuovo, più di quanto non lo sia in politica”. Il porporato esorta anche a “lasciarsi alle spalle” quel clima “tossico” che ha predominato nel Paese negli ultimi tempi, con scambi di accuse reciproche tra gli schieramenti partitici. “Dobbiamo guardarci negli occhi e vedere il bene nell’altro”, ha ribadito il cardinale Nichols. “Concentrarsi sul bene dell’altro – ha concluso – è il nuovo inizio che dovremmo cercare”.

14 dicembre 2019, 08:10