Cerca

Vatican News

L'impegno dei vescovi in Tanzania per la tutela dei bambini

Il segretario generale della Conferenza episcopale della Tanzania, padre Charles Kitima, ribadisce che la "questione della tutela dei minori è universale" e invita le diocesi ad attuare e contestualizzare nei singoli territori le Linee-guida per la Protezione dei bambini

Isabella Piro - Città del Vaticano

Intensificare gli sforzi per proteggere i bambini, mobilitando la società contro ogni forma di violenza: questo l’appello lanciato, nei giorni scorsi, dal segretario generale della Conferenza episcopale della Tanzania (Tec), padre Charles Kitima, intervenuto ad un seminario dell’Unione dei sacerdoti cattolici nel Paese.

Proteggere i bambini da ogni male

L’evento, svoltosi a Dar es Salaam dal 12 al 16 agosto, è stato organizzato dalla Chiesa locale, in collaborazione con l'Associazione dei vescovi dell'Africa Orientale (Amecea). Ribadendo che è dovere dei sacerdoti proteggere i bambini, sia spiritualmente che fisicamente, ed evitare ogni coinvolgimento in pratiche immorali, padre Kitima ha affermato: “È nostra responsabilità proteggere i bambini da ogni male".

No all’omertà

“In particolare – ha aggiunto - non dobbiamo permettere che essi vengano maltrattati in alcun modo. La questione della tutela dei bambini è universale” e i crimini commessi da alcuni membri del clero “hanno lasciato cicatrici nei piccoli”. Padre Kitima ha, quindi, esortato i sacerdoti a “non coprire in alcun modo tale problema e a non restare in silenzio, poiché tale atteggiamento potrebbe peggiorare ulteriormente le cose”.

Applicare le contromisure necessarie

“Essere la voce dei bambini”, perciò, è la raccomandazione che il segretario generale della Tec ha fatto a tutti i sacerdoti presenti al seminario. Al contempo, padre Kitima ha ricordato le diverse contromisure che la Chiesa ha già messo in atto per tutelare i minori dagli abusi, tra cui lo sviluppo, in ogni diocesi del Paese, di un programma di difesa specifico dell’infanzia. Manca ancora, però, l’attuazione sistematica di tali strategie ed è su questo punto che il segretario della Tec ha insistito.

Il Motu Proprio del Papa

"I vescovi – ha detto - hanno già pubblicato le Linee-guida per la Protezione dei bambini. Ciò che è richiesto alle diocesi, ora, è di attuarle, contestualizzandole nei singoli territori”. Tanto più che tali Linee-guida rispondo alle indicazioni presenti nel Motu Proprio “Vos estis lux mundi” di Papa Francesco. Tale normativa, infatti, stabilisce nuove procedure per segnalare molestie e violenze, e assicurare che vescovi e superiori religiosi rendano conto del loro operato; introduce l’obbligo per chierici e religiosi di segnalare gli abusi e indica che ogni diocesi dovrà dotarsi di un sistema facilmente accessibile al pubblico per ricevere le segnalazioni.

Alcuni dati

Infine, alcuni dati: secondo il Centre for Law and Human Rights (LHRC), da gennaio a giugno 2018, circa 394 bambini della Tanzania continentale sono stati vittime di abusi sessuali.

24 agosto 2019, 18:23