Cerca

Vatican News
Il lancio dei missili nord coreani sui media della Corea del sud Il lancio dei missili nord coreani sui media della Corea del sud  (ANSA)

La Corea del Nord lancia due missili nel mar del Giappone

I vettori, che hanno viaggiato per 430 chilometri e 690 chilometri, sono finiti nel Mar del Giappone. Soeul parla di minaccia militare. Per l’esperto Mastrolia questi due lanci sono solo per una strategia negoziale nelle trattative per la denuclearizzazione della penisola

Alessandro Guarasci – Città del Vaticano

Nuovo test missilistico della Corea del Nord. Pyongyang ha lanciato almeno due vettori a corto raggio dalla città di Wonsan.I vettori, che hanno viaggiato per 430 chilometri e 690 chilometri, sono finiti nel Mar del Giappone. Le autorità sudcoreane, insieme alle forze armate americane, hanno analizzato la traiettoria di volo e i dati per determinare di quale tipo di vettori si tratti. I lanci sono i primi da quando il Presidente degli Usa Donald Trump e il leader nord coreano Kim Jong-un si sono incontrati in giugno sul confine fra le due Coree. L'ultimo lancio di missili balistici a corto raggio effettuato da Pyongyang, era avvenuto lo scorso 9 maggio. Per Soeul si tratta di una minaccia militare che rischia di minare il processo di pace nella penisola coreana; mentre il ministro della Difesa giapponese, Takeshi Iwaya, definisce il test missilistico "alquanto spiacevole". Per Tokyo, comunque, il lancio non rappresenta un rischio alla sicurezza del Paese.

Nunziante Mastrolia, esperto dell’area e direttore del centro studi Eleatiche, afferma che “questi due lanci sono solo una posizione negoziale nelle trattative per la denuclearizzazione della penisola. Io penso che presto assisteremo a delle novità in merito”.

Ascolta l’intervista a Nunziante Mastrolia
25 luglio 2019, 13:42