Cerca

Vatican News
Proteste in Nicaragua Proteste in Nicaragua 

Nicaragua. Liberati 50 prigionieri dopo l'accordo

Il governo nicaraguense si impegna a mantenere gli accordi stabiliti durante il negoziato con la coalizione dell’opposizione

Altri prigionieri politici scarcerati da parte del governo del Nicaragua. Si tratta di un gruppo di 50 manifestanti dell'opposizione arrestati per aver protestato contro il Presidente Daniel Ortega. Lo ha riferito in un comunicato il Ministero dell'Interno, specificando che le 50 persone, tra cui tre donne, sono state rilasciate ottenendo gli arresti domiciliari o altre misure cautelari. Il governo nicaraguense ieri ha anche assicurato che rispetterà i due accordi raggiunti durante il negoziato, che si è concluso il 3 aprile: quello sulla liberazione dei prigionieri politici entro 90 giorni dal 20 marzo, e quello sul ripristino delle garanzie dei cittadini per quanto riguarda la libertà di manifestazione, di riunione, di mobilitazione e di stampa. Secondo gli accordi,  alcune centinaia di prigionieri dovranno essere rilasciati dopo l’arresto  per aver partecipato alle manifestazioni antigovernative. Sempre ieri, le parti hanno incontrato la delegazione del Comitato internazionale della Croce Rossa per stabilire i dettagli del processo di liberazione dei detenuti.

05 aprile 2019, 20:42