Cerca

Vatican News
Il muro tra Messico e Usa Il muro tra Messico e Usa  (2019 Getty Images)

Vescovi messicani ed Usa a Trump: costruire ponti, non muri

I vescovi messicani fanno propria la dichiarazione dello scorso 15 febbraio dell’episcopato statunitense, che prende le distanze dalla decisione del presidente Donald Trump di voler procedere con la costruzione del muro con il Messico

Il comunicato della Conferenza episcopale messicana (Cem), rilasciato al termine dell’incontro nazionale delle case del migrante, svoltosi a Città del Messico il 15 e 16 febbraio, riprende le espressioni di quello dei vescovi statunitensi: “Siamo profondamente preoccupati per le azioni del Presidente volte a finanziare la costruzione di un muro lungo la frontiera tra Stati Uniti e Messico, azioni che si contrappongono alla chiara intenzione del Congresso statunitense di limitare il finanziamento del muro. Noi ci opponiamo all’uso di questi fondi per promuovere la costruzione di questo muro. Un muro che, prima di tutto, è un simbolo di divisione e avversità tra due Paesi amici. Noi ci manteniamo fermi e decisi nella visione espressa da Papa Francesco, cioè che in questo momento abbiamo bisogno di costruire ponti e non muri”.

I firmatari della nota

La nota della Cem, ripresa dall'Agenzia Sir, è firmata dal presidente, mons. Rogelio Cabrera López, arcivescovo di Monterrey, dal segretario generale, mons. Alfredo Gerardo Miranda Guardiola, vescovo ausiliare di Monterrey, e dal referente Cem per la Mobilità umana, mons. José Guadalupe Torres Campos, vescovo di Ciudad Juárez.

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare

Nel frattempo, l’incontro delle case del migrante (sono 120 in tutto il Paese le strutture di accoglienza riconducibili alla Chiesa messicana) si è concluso con una nota finale, nella quale, si conferma l’impegno a proseguire nella strada indicata da papa Francesco e riassunta nei quattro verbi “accogliere, proteggere, promuovere e integrare”. Tra gli obiettivi concreti definiti nel corso dell’incontro, un maggiore coordinamento tra le varie diocesi e con le strutture di accoglienza, l’avvio di percorsi di formazione e sensibilizzazione, un’opera di prevenzione riguardo al fenomeno della tratta delle persone. (Agenzia Sir)
 

18 febbraio 2019, 14:47