Cerca

Vatican News
Di Segni con il sottosegretario Giorgetti presenta la Giornata della Memoria Di Segni con il sottosegretario Giorgetti presenta la Giornata della Memoria  (ANSA)

Giornata della Memoria. Noemi Di Segni: è un vissuto comune

Saranno concerti, mostre e spettacoli, all'insegna dell'hashtag #WeRemember, a segnare il 27 gennaio prossimo, Giornata della Memoria, nel 74mo anniversario della liberazione del campo di Auschwitz. Ieri la presentazione degli eventi da parte della presidente dell’Unione delle comunità ebraiche, Noemi Di Segni

Francesca Sabatinelli – Città del Vaticano

Bisogna mobilitarsi a favore della cultura della memoria: è stato l’appello di Noemi Di Segni la quale ha precisato che le iniziative presentate vogliono sensibilizzare non solo sul tema dell’antisemitismo, ma sul razzismo in generale. La Shoah è un tema identitario che riguarda tutti, non solo il popolo ebraico e per questo “ciascuno si deve sentire questo peso di memoria da portare, da proiettare e deve sapere cosa è accaduto”, sottolinea la Di Segni a Radio Vaticana Italia.

Agire sulle fasce più giovani

Per la presidente dell’Ucei ciò che è importante è agire sulle fasce più giovani: “Una cosa è insegnare ciò che è accaduto nella Shoah e una cosa è, ancor prima, insegnare e convivere e saper rispettare gli altri”. A giudizio della Di Segni, non si può appiattire la narrazione dello Shoah solo sulla responsabilità dei nazisti, al momento dell’ingresso del nazismo in Italia, nel 1943, tantomeno la Shoah finisce con i campi di sterminio, perché è da rintracciare anche prima e anche dopo. “Le responsabilità – è convinzione della presidente dell’Ucei - sono di ogni Paese e di ogni regime dove si sono verificate deportazioni e persecuzioni”.

Crescono antisemitismo e razzismo

Oggi, le istituzioni sono chiamate a percepire i segnali dell’aumento dei casi di razzismo e antisemitismo. “Ci sono fenomeni di diverso tono, forse anche di diverse origini, collocati in diversi luoghi e fasce della società, dallo sport al boicottaggio accademico, ad episodi su autobus e treni”. Episodi che non vanno sottovalutati, ritiene la Di Segni che avverte: occorre essere vigili.

Ascolta l'intervista a Noemi Di Segni
10 gennaio 2019, 15:03