Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Devastazione a sud di Damasco Devastazione a sud di Damasco  (AFP or licensors)

Siria: missili israeliani su Damasco. Netanyahu a Mosca

Israele, che ha colpito a sud di Damasco causando 9 morti, invoca il coordinamento con l’esercito russo. Visita a Mosca di Netanyahu dopo le incursioni sulla Siria

Elvira Ragosta - Città del Vaticano

In Siria, secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani, le 9 vittime causate dai missili israeliani che ieri sera hanno colpito a sud di Damasco potrebbero essere guardie iraniane rivoluzionarie o miliziani fedeli a Teheran. Oggi, intanto, il premier israeliano Netanyahu incontra a Mosca il Presidente russo Putin. "Alla luce di quanto sta avvenendo in Siria – ha detto Netanyahu prima di partire - è necessario assicurare che continui il coordinamento tra l'esercito russo e quello israeliano".
Per Daniele Scalea, presidente dell’Isag (istituto di alti studi in geopolitica e scienze ausiliarie) fino ad ora Israele ha potuto contare sull’implicito appoggio della Russia, laddove si trattava di attaccare obiettivi iraniani in Siria, ma ultimamente Mosca ha cominciato a mostrare segnali di insofferenza per le sue incursioni israeliane in Siria. 

Ascolta l'intervista a Daniele Scalea
09 maggio 2018, 11:57