Versione Beta

Cerca

Vatican News
Voto in Salvador Voto in Salvador  (ANSA)

Elezioni legislative in Salvador, un Paese fortemente polarizzato

Domenica di voto nel Salvador che, superati gli anni della guerra civile, si presenta molto cambiato. Due i temi centrali della campagna elettorale: da una parte la sicurezza, dall'altra le politiche sociali

Giancarlo La Vella - Città del Vaticano

Il Salvador oggi, domenica 4 marzo, è chiamato alle urne per le elezioni legislative e municipali. Dal 1980 al 1992 il Paese è stato dilaniato dalla guerra civile, costata circa 70 mila morti e che ha provocato un milione di profughi dentro e oltre le sue frontiere. In quella situazione drammatica l’arcivescovo di San Salvador, mons. Oscar Romero, il 24 marzo 1980 fu trucidato, dopo le sue numerose denunce delle violenze compiute dalla dittatura militare.

Il Salvador cerca di guardare avanti

E oggi il Paese latino-americano cerca di voltare pagina sulle ferite del conflitto grazie a una democrazia fondata sul bipartitismo tra le forze conservatrici di Arena, Alianza Republicana Nacionalista, e il partito erede della guerriglia, Fmln, Frente Farabundo Martí para la Liberación Nacional, quest’ultimo attualmente alla guida del governo con il presidente, Salvador Sánchez Cerén.

Molte ancora le emergenze sociali

Oggi il Salvador è un Paese diverso, ma alle prese con serie emergenze sociali e ancora poverissimo. Lo conferma, raggiunto telefonicamente in Salvador,  don Alberto Vitali, responsabile della pastorale per i migranti di Milano. In un Paese molto polarizzato - afferma padre Vitali -  la Chiesa ricopre un ruolo decisivo, perchè punto di riferimento in particolare per le persone più povere. Importante poi la figura e l'esempio di mons. Romero diventato oggi richiamo all'impegno di riappacificazione tra la gente.

Ascolta e scarica l'intervista a don Alberto Vitali

 

04 marzo 2018, 09:09