Versione Beta

Cerca

Vatican News
Kim Jong-un saluta la delegazione sud-coreana Kim Jong-un saluta la delegazione sud-coreana   (ANSA)

Sorrisi e ‘accordi soddisfacenti’ tra le due Coree

Prima storico incontro a Pyongyang tra Kim Jong-un ed i funzionati di Seoul che lo invitano ad un summit inter-coreano. Il leader della Corea del Nord ha accettato la proposta. Cauti gli Usa

Kim Jong-un vuole “portare avanti con vigore” rapporti più stretti con la Corea del Sud. Ieri sera – riporta l’Agenzia AsiaNews - il leader nordcoreano ha ricevuto e ospitato a cena a Pyongyang la delegazione di Seoul: è la prima volta che dei funzionari sudcoreani incontrano Kim da quando è salito al potere nel 2011, restio ad apparire in presenza di funzionari stranieri – inclusi i presidenti degli storici alleati in Cina e Russia.

La distensione è partita con le Olimpiadi di PyeongChang

Dall’inizio dell’anno, i rapporti fra le due Coree hanno conosciuto un momento di distensione, resosi possibile nel contesto delle Olimpiadi invernali di PyeongChang. La cena è durata quattro ore, e vi hanno preso parte anche la moglie di Kim, Ri Sol-ju – che di rado partecipa ad eventi pubblici – e la sorella minore Kim Yo-jong.

Lettera di Seoul per un summit inter-coreano

La Corea del Sud ha rilasciato per ora solo brevi commenti sull’incontro, affermando che vi sono stati risultati e che la Casa Blu “non è delusa”. È presumibile che Seoul attenderà il ritorno dei delegati, previsto per oggi, per rilasciare maggiori informazioni. La delegazione ha consegnato a Kim una lettera di invito del Presidente sudcoreano Moon Jae-in per un summit intercoreano. Invito a cui Kim ha già risposto in maniera positiva: i media nordcoreani affermano che le due parti hanno raggiunto un “accordo soddisfacente” per i futuri negoziati.

Cauto l’atteggiamento degli Stati Uniti

Nei prossimi giorni, i rappresentanti sudcoreani dovrebbero dirigersi a Washington per riferire alle autorità americane i risultati dell’incontro. Da parte sua Washington si dichiara “cautamente ottimista” dei passi avanti nei contatti Nord-Sud, ma ribadisce di non aver intenzione di dialogare con Pyongyang fin quando non rinuncerà alle armi nucleari. Secondo Noh Kyu-duk, portavoce del ministero sudcoreano degli Esteri, le ultime sanzioni imposte dagli Usa potranno “contribuire a trovare una risoluzione pacifica al problema nucleare del Nord”. Fino al momento attuale, la Corea del Nord ha sempre escluso l’abbandono del proprio programma nucleare, affermando che esso è necessario a difendersi dagli Stati Uniti.

 

06 marzo 2018, 11:58