Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Siria,  Ghouta: salvataggio di una bimba in una casa bombardata Siria, Ghouta: salvataggio di una bimba in una casa bombardata  (ANSA)

Onu, tregua umanitaria per la Siria. Resta incognita su cessate il fuoco

Fumata bianca al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, dopo quasi tre giorni di negoziati serrati, per concordare una tregua umanitaria in Siria, mentre sul campo continuano i combattimenti e il massacro dei civili nel Ghouta orientale. Braccio di ferro tra Washington e Mosca sulla bozza presentata da Svezia e Kuwait

Roberta Gisotti – Città del Vaticano

L’appello del Papa oggi “perché cessi subito la violenza” in Siria e “sia dato accesso agli aiuti umanitari”, giunge all’indomani dell’accordo raggiunto dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu, per una tregua di almeno 30 giorni, in tutto il Paese, compresa l’enclave ribelle del Ghouta orientale, alle porte di Damasco, dove da una settimana infuriano i combattimenti, tra le forze governative che l’assediano dal 2013 e migliaia di combattenti di gruppi islamisti.

5,6 milioni di civili hanno bisogno di aiuti

In questa regione sono 400 mila i civili intrappolati sotto il fuoco dei bombardamenti, privati di cibo, medicine e altri generi di prima necessità. L’Onu stima – come è riportato nella risoluzione approvata all’unanimità dopo tre giorni di serrate trattative - che in tutta la Siria, siano 5 milioni e 600 mila i civili, in 1224 comunità, che hanno “urgente bisogno di aiuti”.

Incognita su cessate il fuoco

Resta però l’incognita del ‘cessate il fuoco’, poiché nel testo non viene indicata, una scadenza precisa, sebbene si raccomandi di procedere  “senza indugio”. La Russia ha infatti considerato “poco realistico” il termine di 72 ore, dopo l’approvazione del documento, per far tacere le armi, come era proposto nel testo iniziale. Questa incertezza nella tempistica potrebbe però costare la vita e sofferenze indicibili a chissà quanti altri siriani, specie nel Ghouta, dove ieri si è registrata un’altra giornata di sangue, con 22 morti, che hanno fatto salire il bilancio delle vittime civili ad oltre 500 negli ultimi sette giorni, di cui un centinaio di minorenni, tra bambini e adolescenti, secondo le cifre fornite dall’Osservatorio nazionale  per i diritti umani in Siria.

Guterres: rispettare i diritti dei civili

Per questo il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, esprimendo soddisfazione per l’intesa di tregua raggiunta sulla carta, ha chiesto che la risoluzione del Consiglio di Sicurezza  sia “immediatamente posta in atto”, per consentire “l’immediata consegna di scorte umanitarie”, sottolineando l’obbligo per le parti – in base al diritto internazionale umanitario e ai diritti umani -  di proteggere i civili e le infrastrutture civili in ogni circostanza. “Gli sforzi di combattere il terrorismo – ha chiosato Guterres - non devono scavalcare questi obblighi”.

Fuori dalla tregua attacchi contro gruppi terroristi

Da rilevare che sono comunque esenti dal ‘cessate il fuoco’ gli attacchi con Is, al Qaida, al Nurra e altri “gruppi di individui ed entità” affiliati con i terroristi, così come richiesto dalla Russia, che fosse inserito nel testo della risoluzione. Da ricordare che Mosca  dal 2011 ha posto undici volte il veto su risoluzioni riguardanti la Siria.

Non è accordo di pace ma passo per fermare violenze

“Non è un accordo di pace complessivo per la Siria, ma un passo che può portare  ad una  de-scalation della violenza”, ha commentato l’ambasciatore svedese Olof Skoog, che con il collega del Kuwait - presidente di turno del Consiglio di sicurezza - ha condotto il difficile negoziato.

Ascolta e scarica il servizio in voce
25 febbraio 2018, 12:12