Cerca

Vatican News
Preghiera interreligiosa a Vienna Preghiera interreligiosa a Vienna  (ANSA)

No alla violenza: il messaggio della Conferenza Mondiale delle Religioni

Le ferite di Nizza e Vienna hanno spinto i leader religiosi a fare una dichiarazione per favorire il rispetto e la coesione in nome della pace

Anna Poce – Città del Vaticano

In seguito agli orribili atti di terrore e di violenza in nome della religione, verificatisi in Francia e nel mondo, la Conferenza Mondiale delle Religioni per la Pace, in una dichiarazione del 4 novembre scorso, diffusa sulla sua pagina web, ha esortato tutti ad utilizzare parole che favoriscano il rispetto e la coesione piuttosto che intensificare le divisioni, ricordando che la libertà di parola è un diritto umano “che richiede educazione”. “Di pari passo con la libertà di parola, infatti, - ha sottolineato - c'è il valore condiviso di onorare la dignità di tutti gli esseri umani”.

Costruire ponti d’amore

La dichiarazione dei leader religiosi mondiali arriva dopo gli attacchi  che hanno insanguinato Nizza il 30 ottobre, e Vienna, il 2 novembre. “È nostro dovere, in quanto leader di fede – si legge nel comunicato -, trovare risposte dignitose, umane e misericordiose piuttosto che vendicative", perché “essere vendicativi significa scatenare la distruzione e la rovina per noi stessi e per gli altri. Tutti noi condividiamo la responsabilità di respingere qualsiasi discorso politico che emargini o alieni i credenti di qualsiasi fede". "Dobbiamo voler insistere nel costruire ponti con amore", hanno sottolineato. Avendo i leader musulmani di tutto il mondo smentito categoricamente che questi atti di orrore siano stati compiuti in nome dell'islam, la Conferenza Mondiale delle Religioni per la Pace si è detta sicura che i musulmani  “provino dolore quando il loro profeta viene apparentemente insultato", ma che “questo non giustifica la violazione dei principi stessi dell'islam, e di ogni fede". Alla luce dunque di quanto successo, esprimendo profonda solidarietà ed elevando le loro preghiere per le famiglie delle vittime degli atti terroristici, i leader religiosi hanno ribadito il loro impegno nel "parlare e agire in modo multireligioso e rispettoso, per guarire le ferite e promuovere la pace con la giustizia".

07 novembre 2020, 08:00