Cerca

Vatican News
Beirut: I volontari tra le macerie Beirut: I volontari tra le macerie  (ANSA)

Libano, al via il Santo Sinodo annuale della Chiesa maronita

Dopo un lungo ritiro spirituale i lavori sono iniziati non solo per l'elezione di tre nuovi vescovi, ma anche per risolvere questioni pastorali e altre riguardanti l’attuale congiuntura politica del Paese

Lisa Zengarini - Città del Vaticano 

Proseguono dal 26 ottobre presso la sede patriarcale di Bkerké, in Libano, i lavori del Santo Sinodo annuale della Chiesa maronita, presieduti dal Patriarca cardinale Béchara Raï. All'ordine del giorno - riporta il quotidiano libanese l’Orient-le-jour - l'elezione di tre nuovi vescovi, oltre a questioni pastorali e altre riguardanti l’attuale congiuntura politica del Paese. La sessione è stata preceduta da un ritiro spirituale di sei giorni.

Tematiche sociali, religiose e politiche

Le sedi episcopali da coprire sono quelle di Kornet Chehwan, dopo la morte dell'arcivescovo Camille Zeidan, e quelle di Tripoli e Tiro. Le nomine saranno annunciate nella dichiarazione finale al termine della riunione, sabato 31 ottobre.

Durante i lavori il Sinodo esaminerà poi questioni di natura liturgica e quella centrale della formazione dei seminaristi. A questo si aggiungeranno alcuni aspetti relativi alla pastorale sociale nella Chiesa maronita. A tale proposito, il patriarca Raï si è impegnato perché sia adottato un piano globale complementare a quello già operativo nelle istituzioni maronite impegnate in questo settore, con un particolare riferimento a Caritas Libano.

Serve un esecutivo indipendente

Infine, l’assemblea farà il punto sulla situazione del Paese dopo l’incarico, la settimana scorsa, a Saad Hariri per la formazione del nuovo Governo, sulla cui urgenza concordano tutte le parti, considerata la situazione critica in cui versa il Paese. Una necessità sottolineata con forza anche dal cardinale Raï nella prolusione ai lavori: “Il Libano ha bisogno di un esecutivo indipendente, che abbia fra i propri compiti quello di ricostruire l’autorità per mezzo di un processo costituzionale, democratico e pacifico”, ha affermato il patriarca , aggiungendo che il nuovo esecutivo dovrà “essere diverso da tutti quelli che lo hanno preceduto, per combattere la pandemia di Coronavirus (…) e far fronte alla crisi finanziaria e bancaria, (…) alla dilapidazione dei fondi pubblici, all’aumento della corruzione e garantire l’indipendenza della magistratura”.

28 ottobre 2020, 07:20