Cerca

Vatican News

Fatima, riflessione sulle sfide antropologiche e sull'ideologia di genere

In programma dal 2 al 5 settembre, il XII Incontro nazionale organizzato dall'Associazione Canonistica Portoghese si svolgerà presso la Casa di Nostra Signora del Carmelo nella piccola città portoghese. Quattro giorni di approfondimento in materia di diritto canonico

Anna Poce e Emanuela Campanile - Città del Vaticano

E' arrivato alla sua dodicesima edizione l'ncontro nazionale per giuristi previsto a Fatima nella prima settimana di settembre. In un comunicato inviato all'agenzia di informazione della Chiesa in Portogallo - ECCLESIA - l'Associazione dei Canonici portoghesi informa che durante le quattro giornate verranno affrontati diversi temi in cui saranno evidenziate le "sfide antropologiche" legate all'"ideologia di genere e alle conseguenti ricadute sull’ordinamento civile e giuridico canonico". A causa dell'"ampiezza del tema", l'organizzazione ha aperto l'incontro non solo ai giuristi civili e canonici, ma "a tutti coloro che hanno un particolare interesse nell'interpretazione della cultura antropologica contemporanea".

Gli ambiti analizzati 

Numerosi gli ospiti, tra questi, il vescovo di Lamego, D. António Couto, che affronterà il tema della fondazione biblica in relazione all'antropologia cristiana; Isilda Pegado, avvocato e presidente della Federazione portoghese per la vita, e Pedro Vaz Patto, giudice e presidente della Commissione nazionale per la giustizia e la pace della Chiesa cattolica in Portogallo, con una relazione sull'ideologia di genere e "le sue conseguenze sulla realtà portoghese, la libertà religiosa e l'obiezione di coscienza". L'Associazione dei canonici portoghesi ha invitato anche il professor Juan Ignacio Bañares, dell'Università di Navarra, che si occuperà dell'"influenza dell'ideologia di genere nel matrimonio", e il frate francescano cappuccino, Adam Maximiano, negoziatore dell'Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare d'Angola. 

28 luglio 2020, 08:00