Cerca

Vatican News

Adoremus 2020: in Irlanda l’adorazione eucaristica è on line

Evento della Conferenza episcopale irlandese in preparazione al Congresso eucaristico internazionale di Budapest del prossimo anno. Il vescovo di Elphin: “Le quarantena ha costretto lo spostamento sulle piattaforme digitali. Un’opportunità per tutta la Chiesa universale”.

Federico Piana- Città del Vaticano

La Chiesa d’Irlanda si prepara al prossimo Congresso Eucaristico di Budapest del 2021. E lo fa oggi pomeriggio con una grande orazione on line dal titolo inequivocabile: ‘Adoremus 2020’. L’evento si sarebbe dovuto svolgere in due giorni al santuario mariano di Knock ma le restrizioni dovute alla pandemia hanno costretto la Conferenza Episcopale locale a trasferirlo sulla rete, sui social.

Previste meditazioni anche da New York

“Questa iniziativa è promossa insieme all’Apostolato Nazionale dell’Adorazione Eucaristica” dice monsignor Kevin Doran, vescovo della diocesi di Elphin, che ci tiene a precisare come in quasi tutte le parrocchie irlandesi, normalmente, si svolga ogni giorno l’adorazione per tutte le ventiquattr’ore. “ ‘Adoremus 2020’ - spiega monsignor Doran - vedrà alternarsi meditazioni ed interventi, come quello della Congregazione delle Sorelle della Vita di New York. E’ prevista anche la recita del Santo Rosario e la celebrazione della Messa”.

Ascolta l'intervista a monsignor Kevin Doran

Un evento per tutta la Chiesa universale

Monsignor Doran è convinto anche che l’evento sia un’opportunità per la Chiesa universale. “La quarantena - racconta - c'ha fatto vedere che alle celebrazioni in streaming delle messe si uniscono persone da ogni parte del mondo. Cosa che sicuramente accadrà anche questa volta“.

Congresso Eucaristico di Budapest: occasione da non sprecare

‘Adoremus 2020’ vuole essere un mezzo propedeutico al Congresso Eucaristico internazionale che si svolgerà a Budapest nel 2021. Monsignor Doran intravede due possibilità, da cogliere al volo: “La prima, è pregare in spirito di solidarietà con la Chiesa ungherese; la seconda, riscoprire la fede e l’umiltà che hanno ispirato la Chiesa ungherese. Tutto questo lo dobbiamo fare nostro”.

 

20 giugno 2020, 14:23