Cerca

Vatican News

I cristiani siriani pregano per l’Italia. Padre Sabbagh: ricambiamo per il tanto aiuto ricevuto

La comunità cattolica di Aleppo organizza celebrazioni e momenti di preghiera per sostenere lo sforzo dell’Italia impegnata a combattere l’epidemia di coronavirus. “Abbiamo tanti amici e benefattori italiani e come francescani ci sentiamo figli dell’Italia” spiega il parroco della cattedrale di San Francesco. Venerdì si riunisce in preghiera anche la comunità cattolica egiziana

Marco Guerra – Città del Vaticano

In tutto il mondo si moltiplicano i momenti di preghiera per le persone affette da coronavirus e per le nazioni più colpite dall’emergenza. Particolare vicinanza viene espressa all’Italia. Segnali di sostegno e speranza sono stati espressi anche in Paesi colpiti da guerre e gravi crisi politiche, malgrado le gravi privazioni vissute dalle popolazioni locali, e che dimostrano la capacità di percepire le “realtà altrui” di cui ha parlato oggi il Papa nella Messa a Santa Marta.

In Egitto preghiera per tutto il mondo

Venerdì 13 marzo le comunità cattoliche egiziane pregheranno per tutte le vittime dell’epidemia, chiedendo al Signore la guarigione dei contagiati, l’accoglienza misericordiosa per chi muore e la consolazione per chi perde i propri cari a causa del morbo. In un comunicato diffuso a nome del Consiglio dei Patriarchi e dei Vescovi cattolici in Egitto, co-presieduto dal Patriarca copto cattolico Ibrahim Isaac Sidrak e dal Patriarca melchita Youssef Absi, si riconosce che il virus rappresenta una minaccia globale incombente sull’intera umanità, e si invoca la protezione del Signore sulla nazione egiziana e “su tutti i Paesi del mondo".

Ad Aleppo Via Crucis dedicata all’Italia

In Siria, i combattimenti che proseguono nella provincia di Idlib e l’embargo internazionale che affama tutta la popolazione non impediscono alla comunità cristiana di dedicare molte celebrazioni ai fratelli nella fede italiani. Nella parrocchia latina della cattedrale di San Francesco di Aleppo, si prega per le famiglie italiane, per i malati e per i bambini che sono stati privati dalla scuola. Per saperne di più abbiamo intervistato padre Ibrahim Sabbagh, parroco della comunità cattolica della seconda città siriana:

Ascolta l'intervista a Padre Sabbagh

R. - Da circa tre settimane abbiamo iniziato a offrire le intenzioni di preghiera delle Messe quotidiane proprio per l'Italia, poi abbiamo avvertito che questa iniziativa ha avuto anche un grande successo e una grande accoglienza della gente, specialmente dei bambini del catechismo che sono più di 660, e allora abbiamo offerto la Via Crucis servita da loro, proprio per tutti gli italiani colpiti e in modo particolare per i bambini italiani che hanno dovuto subire questo disagio della chiusura delle scuole e anche della chiusura delle chiese per il culto. Ma non è finita qua perché continuiamo sempre all'inizio della Santa Messa di ogni giorno a ricordare questa intenzione intenzione e a pregare di nuovo proprio per l'Italia.

Un rapporto particolare lega la comunità cristiana siriana all’Italia, vero?

R. - Io posso testimoniare come parroco francescano qua ad Aleppo che noi abbiamo sperimentato la tenerezza di Dio attraverso l'Italia, attraverso tantissimi italiani, attraverso la Chiesa italiana e noi siamo adesso onorati di avere la possibilità di ricambiare questa tenerezza. Poi, sicuramente noi come francescani della Custodia di Terra Santa abbiamo avuto diverse tappe della nostra formazione sempre in Italia e quindi ci sentiamo figli di questa terra. In Italia abbiamo tanti amici, tanti compagni della formazione, tanti benefattori che ci hanno aiutato negli anni della crisi, in cui questo rapporto è diventato molto stretto e tanta gente ha pensato per noi, ha pregato per noi. Ci sono delle famiglie che pregano ogni sera per la Siria in modo particolare per Aleppo.

Chi ha vissuto e ancora vive un lungo periodo di privazioni e di sofferenza può insegnare agli altri che cosa significa affrontare anche l’isolamento e la riflessione?

R. - Posso dire che la sofferenza tante volte può causare effetti diversi. Causa un effetto negativo e quindi una chiusura, un ripiegarsi nell’egoismo, la ricerca del bene proprio a scapito del bene degli altri, mancanza di solidarietà, durezza di cuore. Invece può causare anche degli effetti positivi quando viene accolta con la fede. Ecco allora che si apre lo sguardo e mentre si soffre si ricorda Dio, ci si avvicina a Dio con la preghiera e con le suppliche , e la sofferenza allora diventa proprio un mezzo di unione con Cristo e allo stesso tempo diventa anche un mezzo per unirsi a ogni persona e ogni famiglia che soffre della stessa sofferenza o di altre. Posso dire che quello che è stato fatto per l'Italia entra in questa ottica.

12 marzo 2020, 15:04