Cerca

Vatican News

In Argentina 16 milioni di poveri, la Chiesa chiede un patto sociale

Sempre più drammatica la situazione sociale in Argentina: almeno 4 persone su dieci sono povere. Tra le cause, la crisi economica. La Chiesa e la Caritas sono in prima linea per assistere i poveri

Lo scenario economico in Argentina presenta dati preoccupanti: secondo l'Università Cattolica Argentina (Uca), vive in povertà il 40,8% della popolazione. Complessivamente, gli indigenti sono almeno 16 milioni. Il rapporto dell'Uca rileva che i motivi della difficile situazione sociale sono dovuti alla crisi economica, che si accompagna ad una nuova svalutazione del peso, con una inflazione che alla fine del 2019 arriverà attorno al 54%. A questo si aggiungono la caduta dei salari e la recessione. Un altro dato che emerge dal rapporto, è l'aumento della povertà nella classe media argentina, cresciuta molto negli ultimi due anni. Nel 2017 era al 4,9%. L'anno successivo è salita all'8,1% e nel 2019 al 14,2%.

Una donna senzatetto
Una donna senzatetto

Un patto per i poveri

La difficile situazione sociale dell’Argentina, ricorda l’agenzia Fides, è stata al centro dell’incontro, mercoledì scorso, tra i membri della Commissione episcopale per la pastorale sociale - presieduta da monsignor Jorge Rubén Lugones, vescovo di Lomas de Zamora - e i rappresentanti della "Mesa de dialogo por el trabajo y la vida digna" (Tavolo di dialogo per il lavoro e la vita degna), associazione che comprende i principali settori del lavoro, della produzione e dell'economia sociale. La Chiesa argentina chiede, in particolare, che venga promosso un patto sociale per aiutare i più poveri. All'incontro hanno partecipato i rappresentanti dei più importanti gruppi sociali: industriali, lavoratori, economia sociale, settore cooperativo. 

06 dicembre 2019, 15:37