Cerca

Vatican News
Il porto di Sydney Il porto di Sydney  (AFP or licensors)

Australia: la Chiesa chiede un salario minimo per le famiglie

I vescovi chiedono che ai lavoratori che hanno persone a carico sia riconosciuto un trattamento retributivo che consenta loro di vivere con dignità

Marco Guerra – Città del Vaticano

La Chiesa cattolica Australiana lancia un appello per un salario di sussistenza per le famiglie. In una nota diffusa alla stampa, la Conferenza episcopale (ACBC) ha ricordato che né i datori di lavoro né i governi hanno fatto abbastanza per sostenere gli australiani a basso salario, e in particolare le famiglie australiane.

Le proposte della Chiesa

La Chiesa ha presentato proposte sul salario minimo fin dal 2003 – si legge nel comunicato - con particolare attenzione ai lavoratori a bassa reddito al fine di sostenere un tenore di vita dignitoso per le famiglie dipendenti dai salari.

Peggiorante le condizioni di molte famiglie

Megan Kavanagh, membro del gruppo di riferimento per i rapporti di lavoro della Conferenza episcopale, ha ricordato che in Australia dal 1907 è stato stabilito il principio che le persone che lavorano a tempo pieno con persone a carico non devono vivere in povertà. "L'attuale livello del salario minimo è di gran lunga inferiore all'obiettivo identificato e fissato da Harvester in un'Australia 112 anni fa", ha detto Megan Kavanagh.

La signora Kavanagh ha quindi evidenziato che, sebbene l'Australia abbia chiaramente una capacità economica molto maggiore di sostenere le famiglie che lavorano e proteggere i bambini dalla povertà rispetto a più di un secolo fa, anche attraverso la moderna rete di sicurezza sociale, questa non è la realtà vissuta da un gran numero di famiglie.

L’esponente del gruppo di lavoro della Conferenza episcopale ha inoltre spiegato che il valore del salario minimo, rispetto ai livelli salariali nazionali, è diminuito significativamente negli ultimi due decenni.  "L'anno scorso la commissione per il lavoro equo e solidale ha scoperto che il salario minimo fornisce un reddito ragionevole per un singolo adulto senza responsabilità familiari", ha sottolineato la signora Kavanagh. "In altre parole – ha aggiunto -, quello che due decenni fa era un salario adeguato per una famiglia è diventato un salario ragionevole per un singolo adulto senza responsabilità familiari. Questo è semplicemente inaccettabile".

Invertire il processo di impoverimento

Nelle sue osservazioni, l'ACBC ha sostenuto che il salario minimo deve essere aumentato da 719,20 dollari alla settimana a 760,00 dollari alla settimana, rendendo il salario minimo di 20 dollari all'ora. "Il processo per invertire due decenni di inadeguata reattività alle realtà economiche che le famiglie non può avvenire dal giorno alla notte, ma crediamo che le nostre raccomandazioni sono un passo importante", ha concluso la Kavanagh.

Joe Zabar, direttore della politica economica presso Catholic Social Services Australia, ha detto che il tenore di vita degli australiani sul salario minimo o in altri ruoli a bassa 

19 marzo 2019, 14:41