Cerca

Vatican News
Natale in Pakistan Natale in Pakistan  (ANSA)

Natale in Pakistan: promuovere pace e armonia interreligiosa

I fedeli cristiani in Pakistan colgono l'opportunità del Natale per condividere i sentimenti di gioia e di pace con le comunità musulmane. Il vescovo Samson Shukardin, alla guida della diocesi cattolica di Hyderabad: "La Chiesa in Pakistan è pienamente impegnata a promuovere l'armonia sociale e interreligiosa"

"E' la nostra missione – spiega all’Agenzia Fides mons. Shukardin - raggiungere i nostri vicini per condividere l'amore di Dio, l'amore che Cristo, nato in questo mondo, ci dona. La nascita di Gesù porta amore, gioia, speranza e pace. E sta a noi portare questo messaggio di amore, gioia, speranza e pace a ogni essere umano durante questo periodo natalizio", prosegue il vescovo.

Per il Natale partecipano anche fedeli musulmani ed indù

Il vescovo Shukardin osserva: "In occasione del Natale, anche i fedeli musulmani e indù partecipano attivamente alle celebrazioni dei cristiani e accolgono gli inviti loro rivolti. Sono felice di vedere molti non cristiani prendere l'iniziativa e celebrare il Natale con i loro vicini cristiani. Questo è un segno positivo di promozione dell'umanità, della pace, della fratellanza ". Il vescovo informa: "Questa settimana ho partecipato a tre programmi di celebrazione natalizia con musulmani e indù presenti all'evento".
La Commissione nazionale per il dialogo interreligioso e l'ecumenismo dei vescovi cattolici ha organizzato un festival sportivo in occasione del Natale, a cui adolescenti appartenenti a varie comunità religiose hanno attivamente partecipato. L'arcivescovo Sebastian Francis Shaw , di Lahore, ha esortato: "Prendiamoci cura gli uni degli altri, lavoriamo sempre per rimanere nell'unità".

Incontro di studenti cattolici e islamici

La Commissione ha organizzato, in collaborazione con alcuni leader islamici, anche un incontro per gli studenti delle scuole cattoliche e delle scuole islamiche, per promuovere l'armonia e l'unità tra i bambini di religioni diverse. "Siate ambasciatori di pace, prendendovi cura del prossimo e del Creato. che è dono di Dio. Imparate a promuovere l'armonia, la pace e l'accoglienza reciproca", ha detto padre Francis Nadeem rivolgendosi ai ragazzi e invitandoli a prendere esempio da San Francesco di Assisi. L'arcivescovo Shaw ha partecipato a una festa organizzata in occasione del Natsle dall'organizzazione musulmana "Bait-ul-Quran" a Lahore e ha detto: "Vi ringrazio e accolgo con favore questa iniziativa. Quando ero giovane non esisteva la discriminazione religiosa: questa è cresciuta negli anni recenti. Dio mette nei nostri cuori un messaggio di misericordia, pace, amore, unità e armonia. Come hanno detto gli angeli alla nascita di Gesù, è nostra missione promuovere la pace sulla terra".

Incontro interreligioso al “Peace Center”

Nei giorni scorsi oltre 150 tra leader cristiani, indù e musulmani si sono radunati nel "Peace Center" a Lahore per un incontro interreligioso organizzato dal Domenicano padre James Channan, che ha dichiarato: "Pace è il dono del Dio-con noi che viene nel mondo. Noi cristiani siamo chiamati a essere le mani, le braccia, gli occhi di Cristo qui in Pakistan e nel mondo intero. Siamo in Pakistan per costruire la pace e l'armonia". (A.G.-P.A. - Agenzia Fides)

 

23 dicembre 2018, 08:30