Cerca

Vatican News
Rivista Ucsi sul tema della giustizia Rivista Ucsi sul tema della giustizia 

Ucsi: raccontare la giustizia e il giornalismo di pace

Nell'ultimo numero, la rivista "Desk" dell'Ucsi, Unione Cattolica della Stampa Italiana, offre una serie di approfondimenti sul tema della giustizia e del giornalismo di pace, prendendo spunto dall'ultimo Messaggio di Papa Francesco per la Giornata delle Comunicazioni Sociali.

Alessandro Gisotti – Città del Vaticano

“Raccontare la giustizia”. E’ il tema dell’ultimo numero della rivista Desk, realizzata e promossa dall’Ucsi, l’Unione Cattolica Stampa Italiana. La pubblicazione, in una veste grafica rinnovata, documenta le nuova realtà della professione giornalistica e della comunicazione, nella “convinzione che un’informazione sana e alla ricerca della verità è un irrinunciabile pilastro di democrazia e un costruttore di bene comune”. In questi mesi – informa una nota dell’Ucsi – la rivista si sta occupando del modo con cui l’informazione racconta e accompagna i grandi processi sociali del nostro tempo, dal lavoro alle migrazioni, dalla pace alla giustizia.

Ripartire dalle parole di Francesco sulla giustizia

Tra i temi approfonditi nell’ultimo numero, il difficile rapporto tra Magistratura e informazione, la mediazione per risolvere i conflitti, il carcere, l'usura, i difficili percorsi di riconciliazione e riparazione, il dolore e il perdono delle vittime, la testimonianza del giudice Livatino, con citazioni inedite dai suoi diari. “La sapienza dei saggi ha definito la giustizia come la volontà di riconoscere a ciascuno ciò che gli è dovuto, mentre gli antichi profeti l’hanno considerata come il fondamento della pace vera e duratura”. Queste parole pronunciate da Papa Francesco in Myanmar - osserva il presidente nazionale dell’Ucsi, Vania De Luca - “offrono uno spunto calzante anche per noi, per gli scopi che ci siamo prefissi per questo primo numero di Desk del 2018 su Raccontare la Giustizia”.

“ Serve un giornalismo fatto da persone per le persone, specie per chi non ha voce ”

Giornalismo di pace non è buonismo

Nella rivista ampio spazio anche all’ultimo Messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali sul tema “La verità vi farà liberi. Fake news e giornalismo di pace”. In particolare, Paola Springhetti sottolinea che il Papa non vuole  “un giornalismo buonista, che neghi l’esistenza di problemi gravi e assuma toni sdolcinati”, ma, “al contrario, vuole indicare un giornalismo senza infingimenti, ostile alle falsità, a slogan ad effetto e a dichiarazioni roboanti; un giornalismo fatto da persone per le persone, e che si comprende come servizio a tutte le persone, specialmente a quelle – sono al mondo la maggioranza – che non hanno voce”.

05 aprile 2018, 09:26