Cerca

Vatican News
Papa Francesco con mons. Nunzio Galantino Papa Francesco con mons. Nunzio Galantino 

Mons. Galantino sul voto: immorale speculare su paura dei migranti

Il segretario generale della Cei interviene sull’incidente della Trenord, poi sulle elezioni: “è immorale speculare sulla comprensibile e giustificabile paura suscitata dall'ondata migratoria”

Alessandro Guarasci – Città del Vaticano

Il segretario generale della Cei mons. Nunzio Galantino chiede che la sicurezza sia un tema centrale. Parlando dell’incidente avvenuto a Milano, Galantino dice che "purtroppo si stanno moltiplicando queste realtà, ma parlare di sicurezza non è uno dei tanti capitoli, è parlare delle persone: quando si risparmia sulla sicurezza si risparmia sulle persone e sulla loro vita. E il risultato è sotto gli occhi di tutti". Per Galantino sono "due i sentimenti. Da una parte il dolore di dover sopportare queste cose, dall'altra invitare chi di dovere a metterci la testa e affrontare queste realtà".

Attenzione all’immigrazione

Galantino afferma che “è immorale speculare sulla comprensibile e giustificabile paura suscitata dall'ondata migratoria”. Ferma la difesa dei poveri: "Se la Chiesa - ha spiegato – si interessa di questo tema non è l'espressione una sensibilità in più, una posizione strana chi si interessa di qualcosa che non c'entra con la Chiesa. No è un diritto-dovere che deriva dal Vangelo la passione per i poveri, i migranti e i rifugiati".

Le elezioni

La Chiesa non è un soggetto politico, non dà indicazioni politiche in vista delle prossime elezioni politiche. Ma attenzione alle promesse che non si possono mantenere. Dunque, dice mons. Galantino, “è immorale, ad esempio, dire cose, fare promesse che non si sa di voler o poter mantenere, o persino si sa di non poterlo fare”.

No all’astensionismo

Per i vescovi, onesta, realismo, umiltà, moralità, devono essere le caratteristiche del politico. Un appello dunque agli elettori “perché superino senza esitazione ogni tentazione di astensionismo”. Il segretario generale della Cei, poi, definisce ideologica la legge sulle Dat e ribadisce che il tema della natalità deve tornare ad essere centrale, perché altrimenti rischiamo una sorta di “depressione economica e morale”.

La revisione del Padre Nostro

Sulla revisione del testo del Padre Nostro, il segretario generale della Cei, annuncia che essa sarà operativa assieme alla revisione del messale.

25 gennaio 2018, 14:40