Busca

Vatican News
Rádio Vaticano - Vatican News  Rádio Vaticano - Vatican News  

Hebdomada Papae: notícias em latim do dia 17 de maio

Notícias do Vaticano em latim com tradução italiana. Em síntese hoje: a oração do Papa à Virgem Maria durante a audiência geral em que João Paulo II foi lembrado, cem anos após seu nascimento; a adesão ao Dia de Oração e Jejum com os líderes espirituais do mundo para a libertação de todas as pandemias.

“HEBDOMADA PAPAE”

Notitiae Vaticanae Latine redditae

Die 17 mensis Maii anno MMXX

(TÍTULOS)

In Audientia Generali die 13 mensis Maii habita, Papa orat Virginem finem certaminis viri coronarii et recordatur Ioannem Paulum II.

E Domo Sanctae Marthae Franciscus se in oratione coniungit cum moderatoribus religionum totius mundi in postulanda liberatione ab omnibus de publica valetudine urgentiis.

Die 18 mensis Maii Papa celebrabit Missam occasione centesimi anniversarii diei natalis Papae Wojtyła. Desinunt Missae televisifica imagine e Domo Sanctae Marthae celebratae.

Omnibus vobis salutem imo ex corde dicit Catharina Agorelius, quae hanc editionem nuntiorum Latina lingua prolatorum praeparavit.

(REPORTAGENS)

Inter salutationes in Audientia Generali die 13 mensis Maii praeteriti ex Aedibus Pontificiis habita Papa Franciscus recordatus est memoriam liturgicam Beatae Mariae Virginis de Fatima, una cum insidiis anno 1981 exstructis, a quibus Ioannes Paulus II intercessione Matris Caelestis protectus est.

Quo die Ecclesia in memoriam revocat primam visionem Mariae Virginis videntibus Fatimae, die 13 mensis Maii anno 1917 occursam, Papa Franciscus in salutationibus linguis sive italica sive lusitana exeunte Audientia Generali datis invitavit «ad Virginem Mariam “perseverantiae” invocandam pro amore Dei et proximi» et ad vivendum hunc mensem Maium «ardentiore fidentioreque» oratione cotidiana. In salutandis fidelibus Poloniae, Franciscus animum vertit ad insidias die 13 mensis Maii anno 1981 patratas, in quibus Sanctus Ioannes Paulus II semper iterabat se «interventum maternum Virginis Sanctae» vidisse pro salute vitae suae.       

Feria quinta superiore, in Missa in Domo Sanctae Marthae celebrata, Papa recordatus est Diem orationis, quem ab Alto Comitatus pro Humana Fraternitate die 14 mensis Maii celebrandum suscitavit, ad exposcendam a Deo finem pestilentiae viri coronarii undevicesimi. In homilia sua Papa recordatus est alias superesse urgentias de publica valetudine, quae centena milia mortuorum gignunt, urgentias scilicet famis ac belli.

Pontifex praesedit Missae in Domo Sanctae Marthae die 14 mensis Maii, quo Ecclesia celebrat festum sancti Matthiae apostoli. Ad introitum recordatus est Diem orationis, ieiunii et operum caritatis ab Alto Comitatus pro Humana Fraternitate suscitatum et exhortatus est omnes, ut se coniungant ad exposcendam a Deo liberationem ab urgentia de publica valetudine. «Omnes fratres sumus», elatius expressit Franciscus, renovans verba sancti Francisci Assisiensis atque invitans «homines et mulieres cuiusvis professionis religiosae», ut cohaerent «in oratione et paenitentia, quaerentes gratiam sanationis ab hac universali pestilentia, sicut et a multis aliis urgentiis, sicut a fame et bello.

(NEWS)

Die 18 mensis Maii desinunt Missae matutinae, tantum televisifica imagine transmissae, a Papa celebratae e Domo Sanctae Marthae in 40 dierum secessu viri coronarii undevicesimi causa. Occasio erit specialis, quia die 18 Maii celebratur et centesimum anniversarium diei natalis Caroli Wojtyła et Papa Franciscus celebrabit proinde Missam apud altarem ubi positum est sepulcrum Sancti Pontificis, eius Praecessoris.    

In colloquio cum moderatore editorio Nuntiorum Vaticanorum Andrea Tornielli, Praefecto Secretariae pro Rebus Oeconomicis, Pater Ioannes Antonius Guerrero Alves locutus est de urgentia oeconomica quae illata est viri coronarii causa atque certum affirmavit Statum Civitatis Vaticanae non esse in periculo fortunarum naufragii atque enarravit eum non esse negotii instar ac non omnia existimari posse tamquam fortunarum naufragium. Administratio divitiarum oeconomicarum Sanctae Sedis, dixit ille, procedit fidelium subsidii gratia ac Status Civitatis Vaticanae operam dat rerum perspicuitati et nisui pecuniae ponendae de una tantum praecipua mensa.     

Haec omnia sunt pro hac editione, conveniemus iterum hebdomada proxima.

“HEBDOMADA PAPAE”

Notitiae Vaticanae Latine redditae

17 maio 2020

(TITOLI)

All’udienza generale del 13 maggio il Papa prega la Vergine per la crisi del coronavirus e ricorda Giovanni Paolo II.

Da Santa Marta Francesco si unisce in preghiera con i leader spirituali del mondo per la liberazione da tutte le pandemie.

Il 18 maggio il Papa celebrerà una Messa per il centenario di Papa Wojtyla. Stop alle dirette da Santa Marta.

Un cordiale buongiorno a tutti voi da Katarina Agorelius e bentrovati a questa edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

Nei saluti all’udienza generale del 13 maggio scorso, dalla Biblioteca del Palazzo apostolico, Papa Francesco ha ricordato la memoria della Beata Maria Vergine di Fatima e anche l’attentato del 1981 in cui san Giovanni Paolo II si vide proteggere da intervento della Madre celeste. La cronaca:

Nel giorno in cui la Chiesa commemora la prima apparizione della Vergine Maria ai veggenti di Fatima, avvenuta il 13 maggio 1917, Papa Francesco nei saluti sia in lingua italiana che in portoghese al termine dell’udienza generale ha invitato “a invocare la Vergine Maria della perseveranza nell’amore a Dio e al prossimo” ed a vivere questo mese di maggio con una preghiera quotidiana “più intensa e fedele”. Nei saluti ai fedeli polacchi, Francesco è tornato col pensiero all’attentato del 13 maggio 1981, nel quale San Giovanni Paolo II ripeteva sempre di aver visto, per la salvezza della propria vita, “l’intervento materno della Vergine Santa”.

Giovedì scorso, nella Messa a Santa Marta, il Papa ha ricordato la Giornata di preghiera promossa per il 14 maggio dall'Alto Comitato per la Fratellanza Umana con l’intento di invocare dal Dio la fine della pandemia del Covid-19. Nell'omelia, ha ricordato che ci sono altre pandemie che causano milioni di morti, quella della fame e della guerra. Il servizio:

Il Pontefice ha presieduto la Messa a Casa Santa Marta nel giorno in cui la Chiesa celebra la Festa di San Mattia Apostolo 14 maggio. Nell'introduzione ha ricordato la Giornata di preghiera, digiuno e opere di carità promossa per quel giorno dall’Alto Comitato della Fratellanza Umana e ha incoraggiato tutti a unirsi per chiedere a Dio la liberazione dalla pandemia. “Tutti siamo fratelli”, ha sottolineato Francesco, riprendendo le parole del Santo di Assisi, invitando “uomini e donne di ogni confessione religiosa” a stringersi “nella preghiera e nella penitenza, per chiedere la grazia della guarigione da questa pandemia” ma anche da tante altre pandemie, come quelle della fame e della guerra.

(NEWS)

Il 18 maggio si concluderà la celebrazione della messa mattutina del Papa da Casa Santa Marta, trasmessa in diretta streaming e televisiva durante quarantena causata dal Covid-19. L’occasione sarà speciale, perché il 18 maggio si festeggia il centesimo anniversario della nascita di Karol Wojtyla e per questo Francesco celebrerà dall’altare sulla tomba del santo Pontefice suo predecessore.

In un’intervista rilasciata al direttore editoriale di Vatican News, Andrea Tornielli, il prefetto della Segreteria per l’Economia, padre Juan Antonio Guerrero Alves, ha parlato della crisi economica indotta dalla pandemia e ha assicurato che il Vaticano non rischia il default, spiegando che non si tratta di un’azienda e sottolineando che non tutto può essere misurato come deficit. L’economia della Santa Sede, ha asserito, va avanti grazie all’aiuto dei fedeli e il Vaticano lavora per un sistema trasparente e per la centralizzazione degli investimenti.

17 maio 2020, 13:36