Vatican News

Il Papa: “Dove ci sono guerre, la politica è sconfitta"

Francesco in visita nella sede romana di Scholas Occurrentes, a Palazzo San Calisto: "Fa male al cuore vedere sacerdoti benedire le armi, strumenti di morte". Testimonianze di giovani di tutto il mondo, dal vivo o in videocollegamento. Accanto al Pontefice i ministri italiani Bianchi e Speranza. Presentate le nuove iniziative della Fondazione pontificia

Salvatore Cernuzio – Città del Vaticano

C’è un test per capire se la politica assolve alla sua missione di “forma più alta e più grande della carità” e per verificare “l’onorabilità di una nazione": è la guerra. “Quando mi parlano di come sta la politica nel mondo, io dico: guardate dove ci sono le guerre, lì c’è la sconfitta della politica. Una politica che non è capace di dialogare per evitare una guerra è sconfitta, è finita”. A domanda netta di un giovane di Scholas Occurrentes (“Come possono i giovani cambiare la politica?”), Papa Francesco risponde altrettanto nettamente.

"Fa male al cuore vedere preti benedire le armi"

“Il test sulla politica è la guerra, il test sull’onorabilità di una nazione per me è: tu fai le armi? Tu favorisci le guerre? Tu la tua ricchezza la fai perché vendi armi perché altri si ammazzano? E lì sapremo se una nazione è moralmente sana”, dice il Pontefice a braccio, interrogato dai ragazzi, nel corso della sua visita di oggi pomeriggio a Palazzo San Calisto, sede romana di questa rete globale di solidarietà nata in Argentina e divenuta Fondazione pontificia, per volere dello stesso Francesco. “Anche – aggiunge –a me fa male al cuore quando vedo sacerdoti quando vedo che alcuni sacerdoti benedicono le armi: no! Gli strumenti di morte e di tortura non vanno benedetti!”. 

Il dialogo è la chiave della politica

“L’amore è politico, cioè sociale per tutti. E quando manca questa universalità dell’amore la politica cade, si ammala o diventa cattiva”, afferma il Papa, invitando al dialogo perché “le opinioni diverse” sono “la chiave nella politica” che deve sempre aspirare ad “unità e armonia”.

“I Parlamenti sono chiave, perché lì si lavorano le cose ma sempre avendo in mente che l’unità è superiore al conflitto. La politica non è un arrivo, no! È un cammino, un avviare processi… La sfiducia nella politica viene perché la si confonde con un’impresa: ‘Questo mi serve, quanto mi dà, quanto non mi dà’. La politica è camminare, anche se nel cammino si brucia il politico, l’importante è arrivare”, dice Papa Francesco.

L'accoglienza dei giovani

Canti e applausi hanno accolto l’arrivo del Vescovo di Roma nella sede nel quartiere romano di Trastevere. Alcuni dei ragazzi che partecipano al progetto educativo hanno presentato al Papa dei regali; due giovani italiani, in particolare, hanno chiesto al Pontefice di scegliere tra due doni: un albero della vita e una lira in legno. Francesco ha scelto quest’ultima, abbozzando anche qualche nota, dicendo: “Cantare è poesia”.

Il Papa saluta la first lady argentina, Fabiola Yáñez
Il Papa saluta la first lady argentina, Fabiola Yáñez

Al primo piano, ad attendere il Papa, c’era la first lady argentina, Fabiola Yáñez, coordinatrice del gruppo delle mogli dei presidenti latinoamericani (ALMA) impegnate nel lavoro con Scholas, intervenute durante l'incontro. Subito dopo, Papa Francesco ha salutato i ministri italiani Roberto Speranza (Salute) e Patrizio Bianchi (Istruzione), intervenuti al momento del colloquio. Poco prima, una singolare accoglienza era stata riservata al Papa: la proclamazione dei versi che aprono l'Inferno della Divina Commedia da parte di Franco Nembrini, studioso e tra i massimi esperti di Dante, e la lettura della poesia di un ragazzo sul suo smartphone. Poi, con un sottofondo musicale, il Papa ha salutato una fila di giovani che “hanno lavorato forte durante la pandemia”, come ha detto Enrique Palmeyro, uno dei due direttori mondiali di Scholas insieme a José Maria del Corral. “Che significa lavorare forte durante la pandemia?”, ha domandato il Santo Padre. “Non potevamo uscire fisicamente ma siamo usciti con la mente”, ha detto un ragazzo. E il Papa ha esclamato: “Questa è la chiave! Uscire, uscire… perché se si rimane in se stessi ci si corrompe. Come l’acqua che quando corre è pura, quando si ferma, si stagna”. Una nuova sede di Scholas in Australia

Dopo i filmati registrati dai cinque continenti con giovani intenti a ballare, disegnare, giocare all’aperto, suonare strumenti, Papa Francesco ha inaugurato virtualmente una nuova sede di Scholas a Sydney, in Australia, alla presenza dell’ambasciatrice presso la Santa Sede, Chiara Porro. La Fondazione lavorerà con l'Università Cattolica d'Australia (ACU) su una proposta per l'attuazione educativa dell'enciclica Laudato Sì, oltre ai programmi educativi Scholas Citizenship e Scholas Labs.

Le testimonianze dei ragazzi usciti dal "buio"

Poi, in momenti diversi, ha ascoltato due toccanti testimonianze. Anzitutto quella di Valerio, un adolescente che dice di essere “rinato” grazie alla famiglia di Scholas: “Ero un ragazzino perso che aveva voglia di ritrovare la sua fanciullezza. Ho messo a nudo i miei sentimenti ed emozioni e Scholas mi ha aiutato a cicatrizzare queste ferite, facendomi capire che queste cicatrici sono bellissime”. Poi, il racconto di Daisy che ha vissuto un profondo momento di crisi a causa anche della malattia del papà. In quei momenti di buio, è stata sostenuta dalla rete di Scholas: “Quando la crepa si fa grande, entra la luce e in me è germogliata la gratitudine alla vita che pensavo di aver perso”. 

Al Papa in dono una maglia. di calcio
Al Papa in dono una maglia. di calcio

Il grazie degli insegnanti: "Noi, artigiani di pace"

In hang-out, è intervenuto pure un gruppo di docenti italiani di sette regioni italiane che nel periodo più duro della pandemia dello scorso anno, hanno chiesto aiuto a Scholas Occurrentes per studiare “un percorso per giovani, le loro famiglie e altri insegnanti che vivevano un momento di caos”. Stefania Macaluso, dalla Sicilia, ha ringraziato la Fondazione per questa “esperienza formativa”, grazie alla quale, in un momento gravoso, si è riusciti ad “attivare le energie vitali negli alunni” e a “ripensarci, noi insegnanti, come artigiani di pace con ingegno e audacia”.

Speranza: "Nessuno dev'essere lasciato solo"

Nel suo intervento, Roberto Speranza ha ricordato l’esperienza della pandemia come “una lezione durissima” per tutti. “Le ferite sono ancora sulla pelle ma anche per questo, dobbiamo costruire il mondo e l’Italia del futuro”. “Sulla salute pubblica, c’è un punto fondamentale: nessuno deve essere lasciato solo”, ha aggiunto, “se una persona sta male non contano i soldi, il colore della pelle, da dove vieni, hai diritto di essere curato”.

Francesco con i ministri italiani Speranza e Bianchi
Francesco con i ministri italiani Speranza e Bianchi

Bianchi: "Pronti a collaborare per il Patto Educativo globale" 

Da parte sua, Patrizio Bianchi ha detto al Papa che si sta “lavorando molto sulla scuola dopo la pandemia. Non solo la pandemia sanitaria ma anche la pandemia dell’individualismo, del populismo, dell’idea che possiamo crescere solo se siamo gli uni contro gli altri”. Il ministro italiano dell’Istruzione ha annunciato anche un Incontro Internazionale su Educazione e Salute Emotiva a Roma, in programma a novembre o dicembre, con i membri della rete di Scholas, perché “dobbiamo uscire dalla quarantena non solo fisica, ma anche da quella degli animi che significa andare verso gli altri”. Infine, ha ribadito la piena disponibilità del governo italiano a collaborare al Patto Educativo globale, lanciato proprio dallo stesso Francesco: “Vorremmo essere di supporto e aiuto a questa idea. Il mondo può trovare pace soltanto lavorando su educazione e scuola”.

L'Università del Senso e i valori di apertura e inclusività

In connessione con il suo Paese natale, l’Argentina, Papa Francesco ha sorpreso i giovani che stavano partecipando al programma di prevenzione delle dipendenze che Scholas porta avanti nella zona de El Impenetrable, provincia del Chaco, con un team di educatori trasferitisi in pianta stabile per stare accanto ai giovani. E ha salutato i presenti nella nuova sede della Fondazione in Washington DC, nata con il sostegno del cardinale Wilton Gregory. Accademici di diverse culture e religioni, hanno espresso il sostegno alla Università del Senso (Universidad del Sentido), inaugurata il 5 giugno. Al Papa è stato consegnato, il documento che esprime identità e missione dell'Universidad che ha tra i membri anche Stefania Giannini, vicedirettore generale per l'istruzione dell'Unesco. La quale, in diretta streaming, ha ricordato i valori fondativi dell'Università: "Inclusione, apertura, gratuità".

L'importanza della storia e delle radici

Dallo stadio del Levante a Valencia, infine, Quico Catalán, presidente della squadra calcistica, ha salutato il Papa insieme all’arcivescovo Antonio Cañizares e al presidente della Generalitat valenciana, Ximo Puig. “Speriamo in una sua visita a Valencia”, hanno detto al Pontefice, per poi offrirgli - seppur virtualmente - un pallone di stracci, come quelli con cui giocavano i bambini di una volta. Un regalo che è stato spunto di riflessione per Papa Francesco: “Avere una palla di pezza è ricordare un tempo in cui lo sport, il gioco, la gratuità del gioco erano molto meglio della sofisticazione esterna”, ha detto. “Il gioco era meglio della ricchezza e della povertà. Era la gratuità di incontrarsi…Nello sport e nella vita, se dimentichiamo la gratuità, perdiamo la partita”.

Scavare un pozzo, simbolo di rinascita

Tutti i presenti intervenuti durante l’incontro hanno scavato simbolicamente un pozzo in un vaso di terra, sistemato nell’aula. Un simbolo di rinascita, di ripartenza e anche di “rischio”. Perché, ha detto Papa Francesco prima di impartire la benedizione conclusiva, anche rischiare è importante: “Scholas non può essere compresa senza questo atteggiamento di rischio”.

I giovani scavano simbolicamente un pozzo in un vaso di terra
I giovani scavano simbolicamente un pozzo in un vaso di terra
20 maggio 2021, 18:30