Vatican News
Papa Francesco e il cardinale Seán O'Malley Papa Francesco e il cardinale Seán O'Malley  (Vatican Media)

Card. O'Malley sugli abusi: tolleranza zero e cura dei sopravvissuti

Per il presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori è necessario un partenariato tra laici e clero per rispondere ai fallimenti della leadership episcopale

Amedeo Lomonaco – Città del Vaticano

L'incontro sulla tutela dei minori nella Chiesa, convocato da Papa Francesco e previsto in Vaticano dal 21 al 24 febbraio 2019, sarà un momento importante per lo sviluppo di un chiaro percorso per le diocesi in tutto il mondo. E’ quanto sottolinea il presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori,  cardinale Seán O'Malley, nel giorno in cui è stata annunciata l’istituzione del Comitato organizzativo per questo incontro. È “un momento critico”, sottolinea il porporato, per la Chiesa che si trova ad affrontare l’orrore degli abusi sessuali.  

Sostegno e cura dei sopravvissuti

Tra le priorità indicate dal cardinale, quelle della tolleranza zero e di una maggiore trasparenza. In particolare, si devono rendere noti i nomi di quanti sono accusati di abusi. Si devono anche incoraggiare tutti gli ordini religiosi a cooperare con le autorità civili e legali. Al primo posto, aggiunge il cardinale O'Malley, si devono porre  “il sostegno e la cura pastorale dei sopravvissuti”. Questo, conclude il porporato, è un viaggio che dura tutta la vita e che ora fa parte del tessuto della famiglia cattolica. E richiede un partenariato tra laici e clero per rispondere ai fallimenti della leadership episcopale.

23 novembre 2018, 20:33