Vatican News
Concistoro del 2019 (Archivio) Concistoro del 2019 (Archivio) 

Il 28 novembre il Concistoro nel rispetto delle norme anti-Covid

La Sala Stampa Vaticana ha reso note le modalità di svolgimento della celebrazione che avverrà alle 16.00 di sabato prossimo. Due delle nuove porpore non saranno presenti a causa della pandemia, previsti collegamenti tramite piattaforma digitale. Annullate anche le visite di cortesia e stabilita una partecipazione ridotta di fedeli

Gabriella Ceraso - Città del Vaticano

Come annunciato il 25 ottobre scorso al termine dell'Angelus dal Papa, sabato prossimo 28 novembre alle ore 16.00 all’Altare della Cattedra, nella Basilica Vaticana, si celebrerà il Concistoro Ordinario Pubblico per la creazione di 13 nuovi cardinali, nove di loro con meno di ottant’anni e dunque con il diritto a partecipare a un futuro conclave, ai quali si aggiungono quattro ultraottantenni. 

Due le assenze tra i porporati

Nel darne notizia la Sala Stampa vaticana fornisce oggi le informazioni inerenti anche la partecipazione e le modalità di svolgimento, a partire dalla precisazione che due dei 13 cardinali, cioè monsignor Cornelius Sim, vicario apostolico di Brunei, e monsignor Jose F. Advincula, arcivescovo di Capiz (Filippine), "non potranno essere presenti a causa della contingente situazione sanitaria, ma saranno ugualmente creati cardinali nel Concistoro. Un rappresentante del Papa, in altro momento da stabilire, consegnerà loro la berretta, l’anello e la bolla con il Titolo".

Partecipazione ridotta e nessuna visita di cortesia

Sempre in considerazione delle disposizioni sanitarie in vigore a causa della pandemia, non si svolgeranno le consuete visite di cortesia - cioè i momenti di festa per i nuovi cardinali, condivisi con amici, parenti, conoscenti e semplici fedeli che gli altri anni hanno avuto luogo nelle sale del Palazzo Apostolico e nell’Aula Paolo VI. Stesse restrizioni anche per le celebrazioni del Concistoro che - scrive la Sala Stampa vaticana -  "non avranno la forma della Cappella papale e avverranno con una partecipazione molto limitata di popolo (fedeli laici, persone consacrate, presbiteri e Vescovi)". In particolare, alla celebrazione, oltre ai cardinali di nuova e antica creazione, saranno presenti circa 100 fedeli, accompagnatori delle nuove porpore, oltre a parroci e rettori delle chiese titolari affidate dal Papa ai cardinali di nuova creazione.

Modificata anche la modalità di partecipazione dei membri del Collegio Cardinalizio impossibilitati a raggiungere Roma che "potranno unirsi alla Celebrazione, partecipandovi da remoto dalla propria sede, tramite una piattaforma digitale che permetterà loro il collegamento con la Basilica Vaticana".

Successivamente, domenica 29 novembre, alle ore 10:00, all’Altare della Cattedra, nella Basilica Vaticana, il Santo Padre celebrerà la Santa Messa con la partecipazione solo dei cardinali di nuova creazione.

23 novembre 2020, 12:00