Vatican News
Migranti provenienti dal Sahel Migranti provenienti dal Sahel  (ANSA)

Africa Occidentale: pace e immigrazione all'attenzione vescovi

Pace e immigrazione: sono stati questi i due i temi principali al centro della terza Assemblea Plenaria dei vescovi dell’Africa occidentale (Recowa-Cerao), appena conclusa a Ouagadougou in Burkina Faso

“Da una parte la sicurezza, oggi più che mai gravemente a rischio nella nostra sub-regione; dall’altra il problema dell’immigrazione illegale giovanile”, ha spiegato all’Agenzia Fides padre Donald Zagore, teologo ivoriano della Società per le Missioni Africane (Sma) presente all’incontro.

Istituito di un Comitato di mediazione di alto livello

“I nostri vescovi – racconta - hanno ricordato profeticamente e con forza l'impegno fondamentale di tutti gli attori della società civile, religiosi e politici, nella costruzione e consolidazione della pace nella nostra sub-regione per lo sviluppo integrale umano”.
“Per rispondere a queste emergenze, i vescovi hanno annunciato l'istituzione di un comitato di mediazione di alto livello, il Cocep (Comitato per la pace Cerao), con il mandato di guidare il dialogo per la pace e la riconciliazione tra le parti in crisi.

Lotta alla disinformazione

Un altro progetto promosso dai vescovi, e altrettanto fondamentale – continua padre Zagore – prevede la creazione, specialmente nelle diocesi i cui confini sono soggetti alla migrazione, di aree di formazione, monitoraggio, scambio e interazione con e tra migranti offrendo loro i mezzi necessari per l'ascolto, la formazione e l'informazione. La grande sfida per la Chiesa in questo contesto è di essere presente tra questi giovani e anche di superare la lotta di disinformazione per risvegliare le coscienze”. “Ora siamo in attesa di vedere i nostri vescovi in azione” – conclude il missionario, citando un detto africano: "E’ dalle fondamenta del muro che riconosciamo il vero muratore". (Agenzia Fides)
 

22 maggio 2019, 11:25