Busca

Vatican News
Noticiário em latim Noticiário em latim 

Hebdomada Papae: as notícias em latim

As notícias do Vaticano em latim, com tradução para o italiano. As manchetes de hoje: o Papa convoca o "Ano de São José"; no alvorecer da Solenidade da Imaculada, Francisco na Praça de Espanha confia Roma e a humanidade a Nossa Senhora; e na Audiência Geral, Pontífice exorta a não ter vergonha de rezar.

“HEBDÓMADA PAPAE”

Notítiae Vaticánae Latíne rédditae

Die duodécimo mensis Decémbris anno bis millésimo vicésimo

(TÍTULI)

Papa índicit “Annum Sancti Ioseph”.

Papa Francíscus in auróra Sollemnitátis Immaculátae Conceptiónis in Foro Hispánico commítit Urbem ac mundum univérsum Beátae Vírgini Maríae.

Póntifex exhortátur ne verecundémur oráre, Deus respondébit.

Salútem plúrimam ómnibus vobis auscultántibus dicit Márius Galgano qui hanc  notitiárum parávit editiónem.

(NOTÍTIAE PRAECÍPUAE)

Lítteris Apostólicis sub título “Patris corde” datis, Francíscus Papa recordátur centésimum quinquagésimum anniversárium diem a Declaratióne qua Sanctus Ioseph Cathólicae Ecclésiae Patrónus constitútus est. Hac data occasióne, a die octávo mensis Decémbris verténtis anni, inchoátur “Annus Sancti Ioseph”. Refert nobis Alexander De Carolis:

Pater amátus, pater in miseratióne, in oboediéntia et in acceptióne; pater cum ánimo efficiéndi, ópifex, qui semper in umbra est: his verbis Papa Francíscus modo pio et movénte descríbit Sanctum Ioseph. Id facit Papa in Lítteris Apostólicis Patris corde, éditis in occasióne centésimi quinquagésimi anniversárii diéi a Declaratióne qua Maríae Sponsus Cathólicae Ecclésiae Patrónus constitútus est. Nam beátus Pius Nonus, Papa, per Decrétum Sacrae Rítuum Congregatiónis Quemádmodum Deus, die octávo mensis Decémbris anno millésimo octingetésimo septuagésimo subscríptum, vóluit hunc títulum Sancto Ioseph tribúere. Ad hoc iubilǽum celebrándum, Póntifex indíxit peculiárem Annum iubilárem usque ad diem octávum mensis Decémbris anno bis millésimo vicésimo primo, dicátum patri putatívo Iesu. In recéssu Litterárum Apostolicárum exstat pandemía viri coronárii quae – scribit Papa – osténdit nobis magnum moméntum personárum humílium, quae a scaena remótae sunt, exércent cotídie patiéntiam et infúndunt spem, seréntes corresponsalitátem. Sicut ipse Sanctus Ioseph, vir, “qui inobservátus transit, qui cotídie adest, discrétus et abscónditus”. Áttamen, óbtinet “in história salútis incomparabíliter praecípuum locum”.

Papa Francíscus privátim mane féria tértia adívit státuam Mariánam in média Urbe ad gestum veneratiónis erga Vírginem Maríam. Ante quam réditum fecit in Civitátem Vaticánam, petívit Basílicam Liberiánam ubi orávit coram imágine sacra Maríae Salútis Pópuli Románi atque celebrávit Missam in Sacéllo Praesépis. En síngula refert Olga Sakun:

Inter primas luces novi diéi et siléntium Urbis plúvia involútae, Papa Francíscus hora séptima pervénit in Forum Hispánicum ad Immaculátam venerándam. Ante státuam Maríae, Papa suos óculos ad Matrem Dei convértit. Depósuit deínde fascículum rosárum candidárum ad basim colúmnae ubi státua Vírginis pósita est. Oratiónem eius haud comitátae sunt voces turbae personárum, sicut ex more hac ocassióne fit. Póntifex adívit ad Forum Hispánicum hac hora insólita, non post merídiem, cáusa urgéntiae de pública valetúdine et ut declináret omne perículum contagiónis, ob concúrsum pópuli óriens. Papa Francíscus – fecit notum núntius Offícii Communicatiónis Sanctae Sedis – commendávit Beátae Vírgini Maríae cunctos hac in Urbe et in univérso mundo morbo maeroréque afflíctos.

(NOTÍTIAE BREVÍSSIMAE)

 

In audiéntia generáli die Mercúrii Papa prosecútus est sériem catechésium de oratióne ac invitávit ad auxílium peténdum étiam in simplícibus rebus cotidiánae vitae: “Deus áudit clamórem invocántis; páuca étiam balbútita quae requírimus, in íntimo cordis relíqua, Ipse auscúltat”.

Francíscus Papa rursus fáciet itínera: petitúrus est Iráquiam a die quinto ad diem octávum mensis Mártii anno bis millésimo vicésimo primo. Núntius novae peregrinatiónis, primae quidem ab exeúnte anno bis millésimo undevicésimo, datus est a moderatóre Offícii Communicatiónis Sanctae Sedis: Papa invíset Bagdátum, planítiem Ur, Arbéla, Mausílium et Qaraqosh.

Finis fit huius editiónis; conveniémus íterum hebdómada próxima.

HEBDOMADA PAPAE”

Notitiae Vaticanae Latine redditae

12 dicembre 2020

(TITOLI)

Il Papa indice l'“Anno di San Giuseppe”

Francesco all'alba dell´Immacolata a Piazza di Spagna affida Roma e il mondo alla Madonna

Il Pontefice esorta a non vergognarsi di pregare, Dio risponderàUn cordiale buongiorno a tutti voi da Mario Galgano e bentrovati a questa edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

 

Con la Lettera apostolica “Patris corde – Con cuore di Padre”, Francesco ricorda il 150.mo anniversario della dichiarazione di San Giuseppe quale Patrono della Chiesa universale. Per l’occasione, da dall’8 dicembre 2021 si terrà uno speciale “Anno di San Giuseppe”. Ce ne parla Rosario Tronnolone.

 

Padre amato, padre nella tenerezza, nell’obbedienza e nell’accoglienza; padre dal coraggio creativo, lavoratore, sempre nell’ombra: con queste parole Papa Francesco descrive, in modo tenero e toccante, San Giuseppe. Lo fa nella Lettera apostolica Patris corde, pubblicata in occasione del 150.mo anniversario della dichiarazione dello Sposo di Maria quale Patrono della Chiesa cattolica. Fu il Beato Pio IX, infatti, con il decreto Quemadmodum Deus, firmato l’8 dicembre 1870, a volere questo titolo per San Giuseppe. Per celebrare tale ricorrenza, il Pontefice ha indetto, fino all’8 dicembre 2021, uno speciale “Anno” dedicato al padre putativo di Gesù. Sullo sfondo della Lettera apostolica, c’è la pandemia da Covid-19 che – scrive Francesco – ci ha fatto comprendere l’importanza delle persone comuni, quelle che, lontane dalla ribalta, esercitano ogni giorno pazienza e infondono speranza, seminando corresponsabilità. Proprio come San Giuseppe, “l’uomo che passa inosservato, l’uomo della presenza quotidiana, discreta e nascosta”. Eppure, il suo è “un protagonismo senza pari nella storia della salvezza”.

***

Francesco si è recato martedì mattina davanti alla statua mariana nel centro della capitale per un atto di venerazione in forma privata alla Vergine. Prima di rientrare in Vaticano ha raggiunto la basilica di Santa Maria Maggiore dove ha pregato davanti all’icona di Maria Salus Popoli Romani e celebrato la Messa nella Cappella del Presepe. Il servizo di Olga Sakun.

Tra le prime luci di un nuovo giorno e il silenzio di una città avvolta dalla pioggia, Francesco è arrivato alle 7.00 della mattina in Piazza di Spagna per rendere omaggio all’Immacolata. Ai piedi della statua di Maria, il Papa ha rivolto il proprio sguardo verso la Madre di Dio. E ha deposto un mazzo di rose bianche alla base della colonna dove si trova la statua della Vergine. La sua preghiera non è stata accompagnata, come tradizionalmente avviene in questa occasione, dal contorno compagnia di folla. Il Pontefice si è recato in questo orario inusuale in piazza di Spagna, e non nel pomeriggio, a causa della situazione di emergenza sanitaria e al fine di evitare ogni rischio di contagio provocato da assembramenti. Il Papa - rende noto in un comunicato la Sala Stampa della Santa Sede - ha affidato alla Madonna tutti coloro che in questa città e nel mondo sono afflitti dalla malattia e dallo scoraggiamento. 

(NEWS)

All'udienza generale del mercoledì il Papa ha proseguito il ciclo di catechesi sulla preghiera e invita a domandare aiuto anche per le cose semplici della vita quotidiana: „Dio ascolta il grido di chi lo invoca. Anche le nostre domande balbettate, quelle rimaste nel fondo del cuore.“

Francesco riprende a viaggiare: andrà in Iraq dal 5 all’8 marzo 2021. L’annuncio del nuovo pellegrinaggio, il primo dalla fine del 2019, è stato dato dal direttore della Sala Stampa della Santa Sede: il Papa visiterà Baghdad, la piana di Ur, Erbil, Mosul e Qaraqosh.

È tutto per questa edizione, alla prossima settimana.

12 dezembro 2020, 13:12