Cerca

Vatican News

VNS – COLOMBIA Eutanasia, caso Martha Sepúlveda. Episcopato: “"La morte in nessun caso può essere la risposta terapeutica al dolore e alla sofferenza”

VNS – COLOMBIA Eutanasia, caso Martha Sepúlveda. Episcopato: “"La morte in nessun caso può essere la risposta terapeutica al dolore e alla sofferenza”

(VNS) – 7ott21 - La Conferenza episcopale colombiana, attraverso monsignor Francisco Antonio Ceballos Escobar, vescovo di Riohacha e presidente della Commissione episcopale per la promozione e la difesa della vita, ha inviato un messaggio a Martha Liria Sepúlveda Campo, la donna di 51 anni di Medellín, affetta da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), che il 10 ottobre si sottoporrà alla pratica eutanasica attiva, affinché rifletta sulla sua decisione, ricordi che non è sola e che il Dio della vita ci accompagna sempre. L’eutanasia è attiva quando il decesso viene procurato, generalmente, tramite una somministrazione di farmaci, che inducono la morte.

"Marta, ti invito a riflettere con calma sulla tua decisione; spero, se le circostanze lo permettono, lontano dalle molestie dei media che non hanno esitato a strumentalizzare il tuo dolore e quello della tua famiglia, per fare una sorta di propaganda a favore dell'eutanasia, in un Paese profondamente segnato dalla violenza", si legge nella lettera.

Il vescovo di Riohacha sottolinea, alla luce delle convinzioni cristiane, che "la morte in nessun caso può essere la risposta terapeutica al dolore e alla sofferenza. La morte attraverso il suicidio assistito o l'eutanasia non è compatibile con la nostra interpretazione della dignità della vita umana, come lo sono le cure palliative".

Il presule conclude, esortando tutti i cattolici a pregare per Martha, per suo figlio, per i suoi parenti e per i professionisti accanto a lei in questa decisione e invitando la donna ad unirsi alla celebrazione eucaristica, da lui presieduta, sabato 9 ottobre, nella Cattedrale di Nostra Signora dei Rimedi a Riohacha, trasmessa sulle reti @Episcopadocol e @PaginaDiocesisDeRiohacha, durante la quale si pregherà per la sua vita, “affinché il Signore, che ha assunto il dolore fino alla morte e una morte in croce, le dia il coraggio di sostenerlo, fino alla croce stessa".

Vatican News Service - AP

07 ottobre 2021, 12:20