Cerca

Vatican News

VNS – BRASILE Domani la Giornata nazionale dei poveri sul tema: “Provi compassione?”

VNS – BRASILE Domani la Giornata nazionale dei poveri sul tema: “Provi compassione?”

(VNS) – 13sett21 – Si svolgerà domani in Brasile la quinta edizione della Giornata dei poveri, che prevede un lancio ufficiale in diretta web a partire dalle 10 del mattino, a due mesi esatti dalla Giornata Mondiale dei poveri che sarà celebrata il 14 novembre. Come precisa il sito della Conferenza episcopale del Brasile, l'evento può essere seguito sui social network della dell’Episcopato e delle organizzazioni partner. Questa è la quinta edizione della giornata istituita da Papa Francesco il 20 novembre 2016, a conclusione dell'Anno Santo straordinario della Misericordia.

Per l’edizione 2021 in Brasile è stato adottato il tema: "Provi compassione?", un invito a non essere indifferenti alla sofferenza delle persone in situazioni vulnerabili e alla crescente povertà socioeconomica che affligge più di 51.9 milioni di brasiliani. Il motto biblico che ispira la celebrazione di questa edizione è: "Avrete sempre dei poveri tra di voi", tratto dal Vangelo di Matteo.

La Giornata in Brasile è organizzata dalla Commissione episcopale per l'Azione Sociale in collaborazione con la Pastorale Sociale e gli organismi della Chiesa in Brasile. Per motivare e pubblicizzare la Giornata Mondiale dei Poveri, il Comitato organizzatore ha prodotto spot radiofonici, video televisivi, poster e cartoline per le reti sociali. Nei prossimi mesi, la Commissione delle Comunicazioni renderà disponibili anche podcast e articoli sulla situazione dei poveri in Brasile, aggravata dalla pandemia.

Nel suo Messaggio per la V Giornata Mondiale dei Poveri 2021 (pubblicato il 13 giugno scorso) Papa Francesco invita la Chiesa e la società non solo a riconoscersi nei poveri e "ad aspettare che bussino alla nostra porta", ma ad andare nelle loro case, negli ospedali e nelle case di soccorso, sulla strada e negli angoli bui dove a volte si nascondono, nei centri di rifugio e di accoglienza... “È importante capire come si sentono, cosa stanno passando e quali desideri hanno nel cuore”.

Il Santo Padre ricorda anche che "i poveri non sono persone 'esterne' alla comunità, ma fratelli e sorelle di cui si condivide la sofferenza, per alleviare il loro disagio e la loro emarginazione, affinché sia restituita loro la dignità perduta e sia garantita la necessaria inclusione sociale". Oltre al mercato che ignora o discrimina i principi etici e crea condizioni disumane che colpiscono persone che già vivono in condizioni precarie, creando incessantemente nuove trappole di miseria ed esclusione, il Papa indica la pandemia come una piaga che ha moltiplicato ulteriormente il numero dei poveri nel mondo.

Come vie di uscita, il Papa sottolinea che è urgente dare risposte concrete a chi soffre la disoccupazione, che colpisce drammaticamente tanti genitori, donne e giovani: "La solidarietà sociale e la generosità di cui molti, grazie a Dio, sono capaci, insieme a progetti lungimiranti di promozione umana, stanno dando e daranno un contributo molto importante", dice Francesco.

Il Papa sottolinea anche che l'assistenza immediata per soddisfare le necessità dei poveri non deve impedire di essere lungimiranti nell'agire nuovi segni di amore e di carità cristiana come risposta alle nuove povertà che l'umanità di oggi vive. “Spero che la Giornata Mondiale dei Poveri, giunta alla sua quinta celebrazione, possa radicarsi sempre più nelle nostre Chiese locali e aprirsi a un movimento di evangelizzazione che, in prima istanza, incontri i poveri là dove sono", esorta il Santo Padre nel suo messaggio.

Vatican News Service - RB

13 settembre 2021, 14:43