Cerca

Vatican News

VNS – ITALIA Attivato dall’Università di Palermo e dalla Facoltà Teologica di Sicilia il nuovo corso di laurea in Religioni e Culture

VNS – ITALIA Attivato dall’Università di Palermo e dalla Facoltà Teologica di Sicilia il nuovo corso di laurea in Religioni e Culture

VNS – 24lug21 – Nasce da una convenzione tra la Facoltà Teologica di Sicilia San Giovanni Evangelista e l’Università degli Studi di Palermo il nuovo corso di laurea, interateneo e a carattere internazionale, in “Religioni e Culture”. Unico nel suo genere nel panorama nazionale, partirà all’inizio del nuovo anno accademico 2021-2022 e si propone di offrire le chiavi di lettura dei fenomeni religiosi dell’attualità attraverso l’analisi delle metodologie, della storia, delle ermeneutiche e delle rappresentazioni culturali proprie delle grandi religioni mondiali, con particolare riferimento all’area mediterranea e vicino-orientale. L’obiettivo è quello di di formare specialisti in servizi della mediazione religioso-culturale e insegnanti qualificati da una prospettiva disciplinare specifica nell’ambito della comprensione dei fenomeni religiosi e delle competenze utili a favorire un approccio dialogante tra persone, comunità (come quelle migranti) e istituzioni con appartenenze religiose distinte. A siglare l’accordo fra i due atenei il preside della Facoltà Teologica di Sicilia fr. Rosario Pistone e il rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari. Per monsignor Corrado Lorefice, arcivescovo del capoluogo siciliano, si tratta di un progetto formativo “al servizio della città dell’uomo”, frutto di uno spirito di collaborazione.  Fr. Pistone ha affermato che lo scambio scientifico e didattico potrà arricchire le prospettive culturali di studenti e docenti, “anche nell’ottica di un dibattito sull’elaborazione del senso dell’esistenza, da prospettive diverse e complementari”, mentre il prof. Micari ha sottolineato le potenzialità dell’iniziativa, “per il proficuo scambio di competenze scientifiche e formative tra i due Atenei coinvolti” e “per le importanti ricadute per la Sicilia e la città di Palermo nell’ambito del dialogo interreligioso”. 

 

Il nuovo corso di laurea in “Religioni e Culture” è illustrato sul portale dell’Università di Palermo, è stato istituito grazie al recente accordo tra Italia e Santa Sede del 13 febbraio 2019, conseguenza dell’adesione di entrambi gli Stati alla convenzione di Lisbona e al processo di Bologna. L’offerta formativa prevede l’approfondimento delle fonti e dei metodi della storia delle religioni e della cultura, delle ermeneutiche dei testi sacri cristiani, ebraici e islamici, della geopolitica, dell’antropologia e della sociologia dei fenomeni religiosi, lo studio del dialogo e del conflitto interreligioso, dell’elaborazione epistemologico-dottrinale in ambito filosofico e teologico e ancora delle rappresentazioni letterarie e artistiche e delle codificazioni etico-giuridiche plasmate dai sistemi religiosi. Include inoltre il tirocinio presso organizzazioni attive nel volontariato in chiave interreligiosa o presso istituzioni culturali direttamente legate alla conservazione/comunicazione del patrimonio del sacro (archivi, biblioteche, musei, emittenti radiofoniche o televisive). Gli sbocchi occupazionali trovano spazio nell’ambito di centri studi e di ricerca sul fenomeno religioso (pubblici e privati) e istituti di scienze religiose; dell’editoria religiosa o di argomento religioso (anche nell’ambito dei mezzi di comunicazione di massa); delle relazioni e delle comunicazioni interreligiose e delle problematiche specifiche dei contesti sociali pluriconfessionali, come quelle relative alla mediazione culturale; della ricerca e didattica in ambito universitario.

 

Vatican News Service - TC

24 luglio 2021, 16:42