Cerca

Vatican News

VNS - ANGOLA Gmg di Lisbona. Pellegrinaggio dei simboli della Giornata nelle diocesi angolane

VNS  - ANGOLA Gmg di Lisbona. Pellegrinaggio dei simboli della Giornata nelle diocesi angolane

(VNS), 22lug21 - Prosegue il pellegrinaggio della Croce della Giornata Mondiale della Gioventù e dell’icona della Vergine "Salus Populi Romani" in Angola. I due simboli della Gmg sono giunti nel Paese africano l’8 luglio e hanno raggiunto questa settimana l’Arcidiocesi di Huambo, dopo avere fatto tappa nella capitale Luanda e nelle Diocesi di Sumbe e Benguela. Il 19 luglio - riporta il sito della Gmg di Lisbona - sono stati accolti da una parrocchia alla periferia della città di Lobito, nella Diocesi di  Benguela, prima di partire per Huambo. Grande la partecipazione e l’entusiasmo dei giovani che hanno ascoltato una meditazione sul significato della Croce e sull’importanza della preghiera e della fedeltà al Vangelo e hanno preso parte alla Messa in cui è stata ricordata l’eredità di San Giovanni Paolo II e la storia della Gmg.

Il viaggio in Angola proseguirà fino al 15 agosto, quando i la Croce e l’icona  raggiungeranno la Spagna, sede della Gmg del 2011, seguita dalla Polonia, che ha ospitato l’evento nel 2016 (Cracovia) e infine dal Portogallo. Qui, a novembre, inizieranno il loro giro nelle 21 diocesi portoghesi che partirà dalla Diocesi di Algarve per terminare nel luglio 2023 nel Patriarcato di Lisbona.   

Il pellegrinaggio dei due simboli della Gmg è uno dei momenti salienti dei preparativi nel Paese ospitante. La Croce e l’icona vengono portati da una diocesi all'altra, raggiungendo chiese, prigioni, scuole e ospedali dove si organizzano momenti di adorazione, processioni e veglie.

Alta 3,80 metri e pesante 31 chili, la croce lignea è stata realizzata nel 1983 in occasione del Giubileo della Redenzione indetto da San Giovanni Paolo II. Durante la cerimonia di apertura, il 25 marzo, i giovani portarono la Croce nella Basilica di San Pietro, dove rimase per tutta la durata dell’Anno Santo. Al termine delle celebrazioni giubilari i giovani chiesero di poter avere la Croce. Richiesta esaudita dal Papa che nella domenica di Pasqua del 1984 la consegnò con queste parole: “Vi affido il simbolo di questo Anna Giubilare: la Croce di Cristo! Portatela per il mondo come simbolo dell’amore di Cristo per la maturità e annunciate a tutti che solo nella morte e nella risurrezione di Cristo possiamo trovare la salvezza e la redenzione”. Da allora la Croce ha fatto il giro del mondo accompagnando tutte le GMG raggiungendo tutti i continenti, compresi i paesi in cui imperversano guerre e conflitti.

Ad essa si è aggiunta nel 2000 l’icona della Madonna “Salus Populi Romani” conservata nella Basilica di Santa Maria Maggiore, la cui copia fu posta sull’altare papale a Tor Vergata, in occasione della GMG del Grande Giubileo del 2000. Tre anni dopo, durante la Giornata diocesana della Gioventù, San Giovanni Paolo II esortò i giovani ad avvicinarsi a Cristo, attraverso Maria e fu proprio in questa occasione che il Pontefice consegnò ai giovani una copia dell’icona per farla portare nel mondo insieme alla Croce.

Da ricordare che la GMG di Lisbona era prevista inizialmente nel 2022 a tre anni dalla precedente edizione svoltasi a Panama, ma è  è stata posticipata al 2023 a causa della pandemia del Covid-19.

Vatican News Service - LZ

22 luglio 2021, 14:33