Cerca

Vatican News

VNS – ITALIA 24-25 luglio, a Teramo, Giubileo Pastorale universitaria e Giovani

VNS – ITALIA 24-25 luglio, a Teramo, Giubileo Pastorale universitaria e Giovani

(VNS) – 22lug21 – “Lui vive e ti vuole vivo”: è questo il tema scelto dalla diocesi di Teramo-Atri, in Abruzzo, per due eventi giubilari: quello per gli animatori della Pastorale universitaria e il Giubileo dei giovani. I due incontri si terranno sabato e domenica prossimi, 24 e 25 luglio, presso il Santuario di San Gabriele dell’Addolorata, situato a Isola del Gran Sasso. Il doppio appuntamento, spiega una nota della diocesi, si pone “nel solco della tradizione e dello stile delle Giornate mondiali della gioventù, nonché all’interno dei festeggiamenti per il centenario della canonizzazione di San Gabriele, patrono dei giovani italiani”, avvenuta nel 1920.

Il programma della giornata di sabato prevede un momento di preghiera presso la cripta del Santo, seguito dal saluto del rettore del Santuario, padre Dario Di Giosia. Poi sarà la volta di un convegno dal titolo “La carità intellettuale, anima della comunità accademica” che vedrà gli interventi di relatori degli Atenei di Abruzzo e Molise, nonché delle Consulte di Pastorale universitaria delle due regioni. Quindi, Monsignor Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti-Vasto, presiederà la Santa Messa. Nel pomeriggio, è previsto il passaggio sotto la Porta Santa, nonché un incontro tra i membri della Pastorale universitaria.

Domenica 25 luglio, invece, alle ore 10.30, in videocollegamento, sarà possibile ascoltare la testimonianza di Antonia Salzano, madre di Carlo Acutis, il giovane morto nel 2006, a soli 15 anni, a causa di una leucemia fulminante, e beatificato il 10 ottobre 2020. Nel pomeriggio, dopo il passaggio della Porta Santa e la Messa presieduta da Monsignor Pietro Santoro, vescovo di Avezzano e delegato dei presuli abruzzesi per la Pastorale giovanile, sarà la volta di una catechesi, tenuta dal pedagogista Johnny Dotti, intitolata “Gabriele, Pietrino, Carlo… e tu! La santità è possibile”. Oltre a San Gabriele e al Beato Carlo Acutis, in particolare la catechesi si soffermerà sulla figura di Pietrino Di Natale, giovane abruzzese morto il 20 agosto 1984, a soli 17 anni, per annegamento in mare. Nella sua pur breve vita, Pietrino ha sempre dato prova di grande fede, tanto che lo scorso febbraio si è chiusa la fase diocesana della sua causa di beatificazione.

La giornata di domenica prossima si concluderà con un momento musicale, ad opera del gruppo rock cristiano “The Sun”. “Il vescovo di Teramo-Atri, Monsignor Lorenzo Leuzzi, insieme ai giovani – dichiara il direttore della Pastorale giovanile diocesana, don Massimo Balloni - hanno desiderato con tutto il cuore la realizzazione di questo evento, chiamando ad un’azione propositiva, in cui i ragazzi non siano spettatori, ma autori e protagonisti del loro tempo”.

Da sottolineare che il titolo del duplice evento giubilare - “Lui vive e ti vuole vivo” – è un chiaro richiamo all’Esortazione apostolica post-sinodale di Papa Francesco “Christus vivit”. Firmata dal Pontefice a Loreto il 25 marzo 2019, nella Solennità dell’Annunciazione del Signore, il documento è stato diffuso il successivo 2 aprile, in concomitanza del 14.mo anniversario della morte di San Giovanni Paolo II, ideatore delle Giornate mondiali della gioventù. L’Esortazione apostolica, infatti, è scritta in forma di “Lettera ai giovani” e suggella i lavori del Sinodo dei vescovi a loro dedicato, svoltosi in Vaticano ad ottobre 2018.

Nel documento, tra l’altro, Papa Francesco cita anche Carlo Acutis: “Ha saputo usare le nuove tecniche di comunicazione per trasmettere il Vangelo, per comunicare valori e bellezza. Vedeva che molti giovani, pur sembrando diversi, in realtà finiscono per essere uguali agli altri, correndo dietro a ciò che i potenti impongono loro attraverso i meccanismi del consumo e dello stordimento. In tal modo, non lasciano sbocciare i doni che il Signore ha dato loro, non offrono a questo mondo quelle capacità così personali e uniche che Dio ha seminato in ognuno". Così, diceva Carlo, succede che “tutti nascono come originali, ma molti muoiono come fotocopie”.

Vatican News Service – IP

22 luglio 2021, 14:17