Cerca

Vatican News

VNS – INDIA #coronavirus. Chiesa lancia programma di assistenza domiciliare per i malati

VNS – INDIA #coronavirus. Chiesa lancia programma di assistenza domiciliare per i malati

(VNS) – 15mag21 – La pandemia da Covid-19 continua a mietere vittime in India, anche a causa della così detta “variante indiana”: ad oggi, si contano 24 milioni di contagi ed oltre 260mila decessi. Per questo, la Conferenza episcopale nazionale (Cbci), attraverso l’Ufficio per la Pastorale della Salute, il 13 maggio ha lanciato un programma di assistenza domiciliare per i malati di coronavirus. Il servizio viene proposto, per ora in sette Stati del Paese, ma si pensa già ad un futuro ampliamento. Le zone interessate, al momento, sono Andhra, Telangana, Karnataka, Kerala, Maharashtra, Madhya Pradesh e Tamil Nadu. “L’obiettivo del progetto – spiega padre Julius Arackal, segretario generale dell'Ufficio per la Pastorale della Salute – è quello di ridurre la mortalità e morbilità, ovvero la frequenza percentuale del Covid-19, in tutta la collettività. Le famiglie più colpite e bisognose saranno, quindi, identificate e selezionate dalle parrocchie delle rispettive aree”.

Il programma sarà portato avanti anche grazie a numerosi volontari, “scelti e formati da medici esperti – continua parre Arackal – Dotati di un saturimetro da dito, di un inalatore e un termometro digitale, i volontari insegneranno alle famiglie come tenere monitorato l’evolversi della malattia, restando in casa”. I nuclei familiari contagiati saranno affidati, inoltre, anche alle cure di medici specialisti residenti nelle rispettive regioni, mentre i volontari organizzeranno servizi di telemedicina e manterranno un contatto costante con tutti i pazienti. “Il progetto – sottolinea l'arcivescovo Prakash Mallavarappu, presidente dell’Ufficio per la Pastorale della Salute – aiuterà la diagnosi e il trattamento precoce del Covid-19, nonché renderà possibile organizzare per tempo l’eventuale ricovero ospedaliero dei malati, in caso di necessità, accelerando così, dove possibile, la loro guarigione”.

Vatican News Service – IP

15 maggio 2021, 10:35