Cerca

Vatican News

VNS – NIGERIA 28-30 maggio, Triduo di preghiera per invocare la fine all’insicurezza nazionale

VNS – NIGERIA 28-30 maggio, Triduo di preghiera per invocare la fine all’insicurezza nazionale

(VNS) – 14mag21 – Tre giorni di preghiera, dal 28 al 30 maggio, per invocare la fine del clima di grave insicurezza che si respira in Nigeria: ad indire il triduo è la Can (Associazione cristiana della Nigeria), definendolo come un atto “imperativo e assolutamente necessario” per chiedere “la misericordia e l’intervento di Dio nella nostra terra”. Dal 2009, infatti, la nazione africana vive nella paura, provocata dagli attacchi degli estremisti islamici Boko Haram e dalle violenze per il controllo delle risorse idriche e agricole. In particolare, nella zona centrale del Paese, infuriano bande di pastori nomadi di etnia fulani, per lo più musulmani, che spesso attaccano persone e proprietà, scontrandosi con gli agricoltori stanziali, in maggioranza cristiani. Dal 28 al 30 maggio, dunque, i fedeli cristiani del Paese sono invitati a “riunirsi ogni sera per pregare Dio, in atteggiamento di lutto per lo spargimento di sangue di molti nigeriani innocenti, soprattutto cristiani”.

La Can esorta i fedeli a pregare affinché “fallisca ogni passo che i terroristi, i banditi, i rapitori, gli uomini armati ed ogni persona malvagia compie in mezzo alla popolazione”, in modo che “la Nigeria sia in pace”. “Pregate – si legge nella nota che annuncia il Triduo - che i piani malvagi, pensati per paralizzare le attività sociali ed economiche del Paese e per gettare la nazione nel caos, siano sventate dal Signore Gesù” e che “il perdono” sia concesso a “chiunque abbia commesso peccato contro Dio”. L’aiuto del Risorto è invocato anche “contro qualsiasi follia religiosa e qualsiasi guerra” che minaccino la Nigeria ed in favore della giustizia e dell’equità, così da “spegnere ogni tensione etnica o religiosa”.

Un’ulteriore preghiera viene richiesta dalla Can per le forze dell’ordine, affinché “siano all’altezza delle loro responsabilità” e “forniscano la sicurezza necessaria di cui la Nigeria ha bisogno”. “Pregate per la rettitudine, la pietà, la prosperità, la pace e l'amore nella nostra nazione - conclude la nota - Pregate per un rapido recupero del Paese da tutte le perdite, in modo che la Nigeria possa diventare molto presto una nazione-modello per tutti, nel mondo”.

Da ricordare che l’iniziativa dei leader cristiani arriva a pochi giorni dalla lettera aperta che la Conferenza episcopale ha inviato al governo: nella missiva, la Chiesa cattolica nigeriana invoca “un vertice sulla sicurezza”, un incontro da tenersi “in qualsiasi modo, purché porti all’unità, alla pace, alla giustizia, al progresso e alla protezione dei nigeriani”, al cui benessere va data la priorità.

Vatican News Service – IP

14 maggio 2021, 15:36