Cerca

Vatican News

VNS – AUSTRALIA Nominato nuovo amministratore delegato dell’Australian Catholic Safeguarding Limited

VNS – AUSTRALIA Nominato nuovo amministratore delegato dell’Australian Catholic Safeguarding Limited

(VNS) – 1mag21 – È Ursula Stephens il nuovo amministratore delegato dell’Australian Catholic Safeguarding Limited (Acsl), l’agenzia cattolica australiana per la tutela dell’infanzia contro gli abusi, costituita a livello nazionale a dicembre 2020. Del Consiglio di amministrazione dell’organismo fanno parte la Conferenza episcopale australiana (Acbc), i Religiosi cattolici dell’Australia (Cra) e l’Associazione “Ministerial public juridic persons” (Ampjp) che coinvolge i laici cattolici del Paese. La nomina della Stephens è stata appoggiata con convinzione da tutti e tre gli organismi. “Ursula ha raggiunto molti risultati in molti campi – afferma il presidente dei vescovi, l’Arcivescovo Mark Coleridge, ricordando che la donna è stata amministratore delegato dei Servizi sociali cattolici australiani – Ora la Chiesa e l’intera nazione continueranno a beneficiare delle sue capacità e dei suoi talenti che saranno concentrati sul compito cruciale della salvaguardia dei minori”.

Dal suo canto, Eva Skira, presidente dell’Ampjps, sottolinea la grande fiducia che la Stephens riscuote sia all’interno che all’esterno della Chiesa cattolica: “La nostra Associazione – sottolinea – comprende la priorità che bisogna dare, in tutti i campi, alla protezione e alla salvaguardia dei bambini. Si tratta di un duro lavoro che abbiamo già intrapreso e che sappiamo essere in mani sicure, anche grazie alla nomina di Urusula”. Da ricordare che la Stephens subentrerà ad un’altra donna, Sheree Limbrick, che è stata amministratore delegato ad interim dell’Acsl da dicembre 2020 fino ad ora. A lei va, in particolare, il ringraziamento di padre Peter Carroll, presidente dei Cra, il quale sottolinea “l’eccezionale servizio alla Chiesa” reso dalla Limbrick con il suo lavoro.

Creata in base a standard professionali e secondo un modello mirato e snello, l’Acsl si pone l’obiettivo di rendere il lavoro della Chiesa più coordinato, responsabile e meglio preparato per garantire la sicurezza delle persone negli ambienti cattolici. "L'opera di salvaguardia e gli standard professionali sono in costante evoluzione, anche attraverso l’importante e necessaria regolamentazione e supervisione statale – sottolineava nel dicembre scorso Monsignor Coleridge - Noi nella Chiesa sapevamo di dover evolvere e questa riflessione ci ha portato a questa nuova agenzia". La struttura baserà il suo operato anche esigendo responsabilità da parte di tutti gli enti cattolici e richiedendo verifiche indipendenti e la revisione dell'adesione alle norme di salvaguardia. "La nostra attenzione – concludeva il presule - deve essere sempre rivolta alla sicurezza di tutti coloro che entrano in contatto con la Chiesa".

Vatican News Service – IP

01 maggio 2021, 11:27