Cerca

Vatican News
Notiziario in latino Notiziario in latino 

Hebdomada Papae: il Gr in latino del 24 luglio

Le notizie vaticane in lingua latina con traduzione in italiano, anche in onda ogni domenica alle 17.30. Il sommario: appello del Papa a sviluppare un’ecologia del cuore nel primo Angelus in Vaticano dopo il rientro dal Gemelli. Francesco scrive una lettera di ringraziamento ai dipendenti del Gemelli e sottolinea la dimensione umana della cura. Pubblicato il programma ufficiale del viaggio apostolico del Santo Padre in Ungheria e Slovacchia a settembre

                                                        “HEBDOMADA PAPAE”
                                                 Notitiae Vaticanae Latine redditae
                                    Die 24 (vicésimo quarto) mensis Iúlii anno 2021
                                                (bis millésimo uno et vicésimo)
(TITULI)

A valetudinário “Gemélli” post réditum Francíscus Póntifex, in precatióne “Ángelus” paulo post in Civitáte Vaticána recitáta, ad cordis oecológiam persequéndam cohortátur.

Epístulam ad valetudinárii “Gemélli” minístros Póntifex mittit, grátias ágens Idémque éfferens humanitátem in aegrótis curándis adhíbitam.

Sedes diurnariórum Vaticána ex offício rerum agendárum índicem communicávit próximi itíneris Summi Pontíficis ad Hungáriam et Slováchiam, mense Septémbris suscipiéndi.

Salutem plúrimam ómnibus vobis auscultántibus dicit Philíppus Herrera-Espaliat et felíciter vobis audiéntibus novos núntios Latína língua prolátos.

Ascolta il radiogiornale in latino

(NOTITIAE PRAECIPUAE)
Suum post réditum in Civitátem Vaticánam, póstquam in valetudinárium “Gemélli” est recéptus, primum Summus Póntifex praetérito die domínico Palátii Apostólici e fenéstra prospectávit, oratiónem, quae est “Ángelus”, in Foro Petriáno precatúrus. Eius in verbis cohortátio reperítur ad cordis oecológiam provehéndam, dum díscitur cum Iesu conquiéscere. Narrat Andréas De Angelis.

“Vesána festinátio in rebus agéndis” est cohibénda ac discéndum “telefoniólum exstínguere” ad diálogum cum Dómino instituéndum. Utrúmque suádet Francíscus Papa frequéntibus fidélibus, qui in Civitátem Vaticánam pervenérunt, dominicálem catechésim auditúri. Summus Póntifex est cohortátus ut ne nostris rebus implicarémur ac rebus faciúndis, sed ut aliórum vúlnera respicerémus. Hoc ob ipsum discámus oportet tempus sumére ut cum Dómino quiescámus, sed étiam ut eándem miseratiónem colámus, quam Iesus hábuit, ex qua ánimum intendébat in omnes Se indigéntes. Post benedictiónem suam singificávit Papa proximitátem Natiónibus Europaéis eluviónes patiéntibus, atque suam quoque sollicitúdinem osténdit de Cubae sociáli condicióne, diálogum suádens illa in ínsula.

***
Per epístulam Cárolo Fratta Pasini missam, Praésidi Óperis Fundáti Valetudinárii Universitárii “Gemélli”, Francíscus Papa suum ánimum gratum ómnibus illis patefácere vóluit, qui Eum curavérunt decem diébus aegrotántem. Sentiámus Alexándrum de Carolis:

Grátiae ex corde referúntur “mágnae famíliae veletudinárii “Gemélli” propter “perbenévolam sollicitúdinem” ac “fratérnam receptiónem” in valetudinárii léctulo cógnitam. Páucis post diébus quam e valetudinário est egréssus, Summus Póntifex per scriptum státuit ánimum suum gratum significáre in eos qui Ipsum aegrotántem Eumdémque sectiónem in colo die quarto mensis Iúlii subiéntem sunt comitáti. Percépi útique me “in família” esse, véluti “domi”, scripsit Francíscus, addens simul Se Ipsum cognovísse quómodo essent magni moménti, in salute curánda, humána afféctio ac artis cura scientíficae. Hanc fragilitátem expértus, Francíscus planum facit nunc in corde tot vultus, tot narratiónes ac aerumnárum condiciónes Se serváre. Valetudinárium “Gemélli”, confírmat Póntifex, “vera est parva urbs in Urbe, quo cotídie frequens hóminum multitúdo cónfluit, exspectatiónes ibídem depònens ac sollicitudines”.

(NOTITIAE BREVISSIMAE)
Sedes diurnariórum Sanctae Sedis osténdit ex offício rerum agendárum índicem quarti et tricésimi itíneris apostólici Pontíficis ad Hungáriam et Slováchiam a die 12 (duodécimo) ad 15 (quíntum décimum) díem mensis Septémbris perficiéndi. Primam post statiónem Budapestíni, ubi missam celebrábit finiéntem Congréssum Eucharísticum Internationálem, Summus Póntifex in próximam Slováchiam Se cónferet, ibíque tres díes commorábitur, invísens Bratisláviam, Presóviam, Cossóviam ac Sástinum. Praéter quam quod fidéles cathólicos invíset, Francíscus civíles potestátes, aliárum confessiónum sodáles ac membra communitátis Hebráicae illíus Natiónis convéniet.

Finis fit húius editiónis, conveniémus dénuo próxima hebdómada.

 

                                                            “HEBDOMADA PAPAE”
                                                 Notitiae Vaticanae Latine redditae
                                                                  24 luglio 2021

(TITOLI)

Un appello a sviluppare un’ecologia del cuore quello di Papa Francesco nel primo Angelus pronunciato in Vaticano, dopo il suo rientro dal Policlinico Gemelli.

Il Pontefice scrive una lettera di ringraziamento ai dipendenti del Gemelli e sottolinea la dimensione umana della cura dei malati.

La Sala Stampa Vaticana ha comunicato il programma ufficiale del prossimo viaggio apostolico del Santo Padre che lo porterà in Ungheria e Slovacchia a settembre.

Un cordiale bentrovati da Felipe Herrera-Espaliat per questa nuova edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

Per la prima volta dal suo rientro in Vaticano dopo il ricovero al Policlinico Gemelli, il Papa si è affacciato domenica scorsa alla finestra del Palazzo Apostolico per pregare l’Angelus in Piazza San Pietro. Nelle sue parole, l’invito a sviluppare una ecologia del cuore imparando a riposare con Gesù. La cronaca è di Andrea De Angelis.

Fermare “la corsa frenetica che detta le nostre agende” e imparare “a spegnere il telefonino” per dialogare con il Signore. Sono due dei suggerimenti che Papa Francesco ha dato alle centinaia di fedeli che sono arrivati in Vaticano per ascoltare la catechesi domenicale. Il Santo Padre ha esortato a non lasciarsi prendere da sé stessi e dalle cose da fare ma ad accorgersi delle ferite degli altri. Proprio per questo abbiamo bisogno d’imparare a prendere tempo per riposarci col Signore, però anche a sviluppare quella compassione che aveva Gesù e che gli permetteva di essere attento a tutti quelli che avevano bisogno di Lui. Dopo la benedizione il Papa ha espresso la sua vicinanza ai Paesi europei che stanno soffrendo a causa delle inondazioni, e ha pure manifestato la sua preoccupazione per la situazione sociale di Cuba, facendo un appello al dialogo nella nazione dei Caraibi.

***

Con una lettera indirizzata a Carlo Fratta Pasini, presidente della Fondazione del Policlinico Universitario Gemelli, Papa Francesco ha voluto esprimere il suo ringraziamento a tutti coloro che si sono presi cura di lui durante i dieci giorni di ricovero. Sentiamo Alessandro de Carolis:

Un grazie dal cuore alla “grande famiglia del Gemelli” per la “premura cordiale” e l'”accoglienza fraterna" sperimentate sul letto d’ospedale. A pochi giorni dalla fine della sua degenza, il Pontefice ha deciso di fissare brevemente su carta la gratitudine verso chi ha accompagnato i giorni del suo ricovero dopo l’intervento al colon subito il 4 luglio. Mi sono sentito “come in famiglia”, come “a casa”, scrive Francesco, sottolineando che ha potuto constatare di persona quanto siano essenziali, nella cura della salute, la sensibilità umana e la professionalità scientifica. Dopo questa esperienza di fragilità, Francesco assicura che ora porta nel cuore tanti volti, storie e situazioni di sofferenza. Il Gemelli, ribadisce il Papa, “è veramente una piccola città nell’Urbe, dove ogni giorno giungono migliaia di persone deponendovi attese e preoccupazioni”.

(NOTIZIE)

La Sala Stampa della Santa Sede ha reso noto il programma ufficiale del trentaquattresimo viaggio apostolico che il Papa compirà in Ungheria e Slovacchia tra il 12 e il 15 settembre. Dopo una prima tappa a Budapest, dove celebrerà la Messa di chiusura del Congresso Eucaristico Internazionale, il Santo Padre si recherà per tre giorni nella vicina Slovacchia, visitando le città di Bratislava, Presov, Kosice e Sastin. Oltre agli appuntamenti con i fedeli cattolici, Francesco incontrerà le autorità civili, i rappresentanti delle altre confessioni cristiane e i membri della comunità ebraica del Paese.

È tutto per questa edizione, alla prossima settimana se Dio vuole.

24 luglio 2021, 12:40