Cerca

Vatican News

Nella Settimana Laudato Si’, il Festival “Canzoni per il Creato”

L’evento è anche un occasione per riflettere sulla Giornata Mondiale della biodiversità a partire dall’enciclica di Papa Francesco sulla casa comune

Amedeo Lomonaco - Città del Vaticano

Presentare la biodiversità perduta nel mondo e le sue conseguenze. È questa la finalità del festival “Canzoni per il Creato” in programma oggi on line dalle ore 19.00. Si tratta di un evento organizzato nell’ambito della Settimana Laudato Si’. Durante il Festival, saranno annunciati i vincitori del concorso fotografico Momento Laudato Si’ e si rifletterà sul messaggio del Vaticano per l’odierna Giornata Mondiale della Biodiversità, istituita dall’assemblea delle Nazioni Unite nel 2020.

Giornata mondiale della biodiversità

La Giornata Mondiale della Biodiversità si celebra il 22 maggio per commemorare l'adozione del testo della Convenzione per la Diversità Biologica, avvenuta il 22 maggio del 1992. Questo trattato internazionale è giuridicamente vincolante e persegue tre principali obiettivi: conservazione della biodiversità, uso sostenibile della biodiversità, giusta ed equa ripartizione dei benefici derivanti dall'utilizzo delle risorse genetiche. Il suo obiettivo generale è quello di incoraggiare azioni che porteranno ad un futuro sostenibile. “Siamo parte della Soluzione” è lo slogan scelto per l’odierna Giornata. Tra le finalità quella di aumentare la comprensione e la consapevolezza dei problemi legati all'ambiente e agli ecosistemi.

Perdita di biodiversità

Nella lettera enciclica Laudato si' Papa Francesco si sofferma anche sul tema della perdita di biodiversità. “Ogni anno - scrive il Pontefice - scompaiono migliaia di specie vegetali e animali che non potremo più conoscere, che i nostri figli non potranno vedere, perse per sempre. La stragrande maggioranza si estingue per ragioni che hanno a che fare con qualche attività umana. Per causa nostra, migliaia di specie non daranno gloria a Dio con la loro esistenza né potranno comunicarci il proprio messaggio. Non ne abbiamo il diritto”.

22 maggio 2021, 14:58