Cerca

Vatican News

Sara: il sorriso, il pallone e la carrozzina. "I limiti non ci sono, te li dai solo tu"

La mascotte di Athletica Vaticana Sara Vargetto, 12 anni, una grave malattia autoimmune, che dona per l’asta benefica “We run together” la canottiera con la quale ha fatto il primo canestro, parla del suo rapporto con lo sport. “Ora che gioco a basket e corro (sempre in carrozzina, n.d.r) mi sento più libera, sto meglio con gli altri e con me stessa”

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Con il suo splendido e contagioso sorriso Sara Vargetto, romana di dodici anni e una malattia invalidante che la costringe spesso in sedia a rotelle, ricorda che sport è uguale a libertà. Da quando faccio basket (in carrozzina, n.d.r.) e corsa (spinta da papà Paolo e dagli amici runner di Athletica Vaticana), ci dice, “mi sento più libera, sto più con gli altri. Sto meglio anche con me stessa. È più bello vivere nel mondo dello sport”. E agli altri giovani che hanno quel pezzo di ferro, ruote e tela come compagno di vita, dice: “Non ci sono cose che puoi fare o non puoi fare. I limiti te li dai tu e neanche ci sono. E’ più una cosa mentale”.

Quella volta che Papa Francesco ha parlato di lei

C’è tanta forza e gioia di vivere, dietro quel sorriso, che ha colpito anche Papa Francesco, quando, il 20 maggio, ha ricevuto la squadra di Athletica Vaticana e alcuni dei protagonisti dell’asta benefica “We run together”. Il Papa si è fermato a parlare con lei e poi, nel discorso, ha sottolineato che la squadra vaticana testimonia concretamente “il volto solidale dello sport”, accogliendo “come atleti ‘onorari’ alcuni giovani migranti e una bambina con una grave malattia neurodegenerativa”.

L'arrivo di Sara e di alcuni runner di Athgeltica Vaticana alla 10 km di Wittenberg 2019
L'arrivo di Sara e di alcuni runner di Athgeltica Vaticana alla 10 km di Wittenberg 2019

Un amore per lo sport, diviso tra canestri e traguardi

A Sara questo ruolo di “mascotte” dei runner biancogialli piace, e non si perde una corsa, insistendo per arrivare al traguardo spingendo da sola, con tutta la forza che ha nelle braccia, le ruotone della sua carrozzina da gara. Ma per l’asta di questa settimana ha scelto di donare la sua canottiera da gara di “Giovani e Tenaci”,  la squadra di basket in carrozzina della Fondazione Santa Lucia di Roma, usata nel campionato italiano giovanile. Ci spiega perché in questa intervista, nella quale vuole prima di tutto raccontare il suo incontro con Papa Francesco.

Ascolta l'intervista a Sara Vargetto

R.- Ci siamo salutati e mi ha stretto la mano. E’ stato molto bello, emozionante. Mi ha riconosciuto e mi ha detto che sono anche un po' la mascotte di Athletica Vaticana e mi ha reso molto felice. Nel suo discorso ha detto che c'era una bambina, che ero io, con una malattia, che era la più piccola del gruppo.

Ti piace di più la corsa o il basket?

R.- Mi piacciono entrambi, perché il basket è più uno sport di squadra, ed esci dallo spogliatoio con l’intento di vincere come squadra. Anche nella corsa stai comunque con gli amici, con la tua squadra. Però è diverso. Poi corro con papà… Sono sport che mi regalano gioie diverse.

Sara Vargetto senza paura in una partita di basket in carrozzina
Sara Vargetto senza paura in una partita di basket in carrozzina

Perché hai scelto di donare per l’asta la canottiera del basket, e non il caschetto che usi per la corsa con la carrozzina?

R.– Ho scelto la maglietta perché con quella ho fatto il mio primo canestro in partita, e ci sono anche abbastanza affezionata. Ma di caschetto ho solo quello, lo uso per tutte le corse, e mi serve!

Raccontaci di questo primo canestro. Come è stato?

R.– Era il derby, perché noi “Giovani e Tenaci” siamo la squadra di Roma, gli altri sono di Roma ma sono la Lazio: E’ stato bello perché poi mi hanno anche fatto fallo. Ho preso palla in attacco, sono andata diretta, l’ho lanciata ed è entrata! Purtroppo però il tiro libero per il fallo l’ho sbagliato.

Sara autografa la canottiera offerta per l'asta We Run Together
Sara autografa la canottiera offerta per l'asta We Run Together

In partita dove sei più brava? In difesa, a rubar palla, o nel rimbalzo? Nel tiro da fuori o da sotto?

R. - In difesa, perché sono piccolina e mi intrufolo in tutti i buchini e dò tanto fastidio agli attaccanti avversari. Penso di più a passare la palla agli altri compagni, ma se c’è da tirare, tiro!

Quante partite hai fatto e quante vittorie con questa maglietta?

R.– Cinque, ma poi si è interrotto il campionato per il Covid-19. E le avevamo vinte tutte!

La tua maglietta permetterà di aiutare i medici e gli infermieri di Bergamo e Brescia a curare meglio i malati di Covid-19. Cosa significa questo per te? E cosa vuoi dire a chi acquisterà all’asta la tua canottiera?

R.– Significa molto, perché può fare la differenza. A chi l’acquisterà vorrei dire che sono molto contenta, perché ha fatto un atto di beneficenza molto bello, soprattutto in questo periodo.

Ti ricordi come stavi prima di iniziare a giocare a basket e a correre? Come ti senti oggi? Cosa è cambiato?

R.- Ero più piccola. Ho iniziato il basket a 6 anni e mezzo e invece la corsa a 8 anni. Eh, non avevo tutta questa libertà che ho adesso. Adesso mi sento più libera, sto più con gli altri. Sto meglio anche con me stessa. È più bello vivere nel mondo dello sport.

Che cosa vorresti dire ad altri ragazzi che magari usano una sedia a rotelle come te, e ancora non hanno provato la gioia di fare sport?

R.– Che uno sport ti libera tanto, non particolarmente il basket o la corsa, ma uno sport che vi piace. Perché non ci sono cose che puoi fare o non puoi fare. I limiti te li dai tu e neanche ci sono. E’ più una cosa mentale. Quindi da provare assolutamente.

Come sono stati per te questi mesi di emergenza per la pandemia? Sei riuscita a stare sempre in casa?

R.– Durante i mesi di quarantena forzata sono stata sempre a casa, non sono mai uscita. Appena si è potuto, sono andata a fare qualche passeggiata e qualche settimana dopo siamo andati anche a correre con papà. Però è stata dura, molto dura! Stare sempre in casa, anche per noi ragazzi, è complicato. Da uscire tutti i giorni a non uscire più, non è facile. Studiavo e facevo anche fisioterapia, al telefono col Santa Lucia e poi mi riposavo.

Quel 20 maggio nel quale siete andati dal Papa ci sarebbe dovuto essere il meeting internazionale a Castel Porziano. Avresti corso anche tu?

R.– Sì, infatti mi è dispiaciuto molto che non si è fatto, per l’emergenza coronavirus, ma è giusto così. Avrei corso con papà ma anche con tutti gli altri amici del Vaticano e mi sarei anche spinta.

Photogallery

Sara Vargetto tra basket e corsa
21 luglio 2020, 11:21