Cerca

Vatican News
Notiziario in latino Notiziario in latino 

Hebdomada Papae: il Gr in latino del 4 luglio

Le notizie vaticane in lingua latina con traduzione in italiano in onda ogni sabato alle 12.32. In sommario la preghiera del Papa all’Angelus esorta ad aderire al Vangelo perché è donarsi con generosità. Nella Solennità dei santi Pietro e Paolo Francesco chiede di essere veri profeti, costruttori di unità. Infine il cordoglio del Pontefice a Benedetto XVI per la scomparsa del fratello Georg

Notitiae Vaticanae Latine redditae

Die 4 mensis Iulii anno MMXX

(TITOLI)

Franciscus in Oratione Angelica: Evangelio adhaerere sibi vult cum magnanimitate se dare

Sollemnitas sanctorum Petri et Pauli. Pontifex dicit: oportet simus veri prophetae, unitatis constructores

Nuntius maeroris Papae Francisci Benedicto XVI ob obitum fratris Georgii missus

Omnibus vobis audientibus salutem imo ex corde dicit Catharina Agorelius, hanc editionem nuntiorum Latina lingua participantibus.

(SERVIZI)

In Oratione Angelica die 28 mensis Iunii Papa Franciscus iterum adfirmavit notas peculiares vitae christianae esse ministerium et gratitudinem, non personalia commoda, familiares adhaesiones vel cursum honorum:

Ministerium et gratitudo duo sunt praecipua argumenta considerationis, quam Papa Franciscus ante recitationem Orationis Angelicae die 28 mensis Iunii proposuit,  vigilia scilicet Sollemnitatis sanctorum Petri et Pauli. Evangelium interpretans diei,  quo invitamur ad amorem erga Deum ponendum supra affectus, Pontifex explanavit non esse nexus familiares paulum aestimandos, sed modo purificato vivendos. Etiam corruptio – ipse monuit – saepe de amore derivat atque necessitudine cum familiaribus. In Evangelio Iesus praeterea poscit a suis discipulis plenam Cruci adhaesionem, et Papa explanavit inopinatum Evangelii hic adest ut quis perdat animam suam eamque in plenitudine inveniat. Memoravit etiam illos qui operam dant viro coronario infectis iuvandis.

Occasione data Sollemnitatis duorum Apostolorum Romae, sanctorum Petri et Pauli, Papa Franciscus Missam celebravit in Basilica Vaticana cum benedictione palliorum decano destinatorum et archiepiscopis metropolitis qui postremo anno sunt nominati. In homilia in lucem posuit necessitatem unitatis et prophetiae.

In Sollemnitate sanctorum Petri et Pauli die 29 mensis Iunii Pontifex Missam celebravit in Basilica Vaticana, adstantibus fidelibus, estiamsi paucis ob pandemiam. Papa Franciscus in initio pallia benedixit, destinata Decano Collegii Cardinalium, videlicet Eminentissimo Domino Ioanni Baptistae Re, et archiepiscopis metropolitis qui postremo anno sunt nominati, veluti signum unitatis inter oves et Pastorem. Papa Franciscus in lucem posuit in homilia duo vocabula, unitatem scilicet et prophetiam. Adfirmavit Petrum et Paulum invicem se consideravisse fratres, etiamsi omnino inter se diversi erant, quia Deus est qui nos in diversitatibus coniungit. Animadvertit Iesum provocavisse duos Apostolos, ab eis quaerens electionem personalem Ipsi adhaerendi. Tantummodo qui miris rebus divinis patet, fit propheta, explanavit Pontifex, qui adfirmat etiam hodie opus esse prophetia et testimonio de Evangelio quod semper effici potest.

(NEWS)

Pontifex nuntium misit maeroris Papae emerito Benedicto XVI post obitum fratris eius Reverendi Domini Georgii. Subtilitatem sui Decessoris ostendit qui ipsi primus de fratris obitu communicavit notitiam atque renovavit signum sui maeroris et spiritualis necessitudinis hoc in doloris tempore.

In nuntio televisifico Papa intentiones precis proposuit pro mense Iulio, quae ad familiam pertinent. Sanctus Pater fideles invitat ad orandum ut familiae nostrae aetatis sustineantur amore, obsequio et consilio, et peculiari modo a Statibus custodiantur.

Ut proposita Synodi specialis pro Amazonia ad rem perducantur, Conferentia Ecclesialis Amazoniae die 29 mensis Iunii est instituta. Veluti Praeses novi officii  est electus Eminentissimus Dominus Cardinalis Claudius Hummes, Archiepiscopus emeritus Sancti Pauli in Brasilia, olim Praeses Retis ecclesialis Amazoniae, vulgo Repam, et inter membra tres sodales populorum indigenarum sunt nominati.

Haec omnia sunt pro hac editione, conveniemus iterum hebdomada proxima.

“HEBDOMADA PAPAE”

Notitiae Vaticanae Latine redditae

4 luglio 2020

(TITOLI)

Francesco all'Angelus: aderire al Vangelo è donarsi con generosità

Solennità dei santi Pietro e Paolo. Il Pontefice: essere veri profeti, costruttori di unità

Cordoglio di Papa Francesco a Benedetto XVI per la scomparsa del fratello Georg

Un cordiale buongiorno a tutti voi da Katarina Agorelius e bentrovati a questa edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

All’Angelus del 28 giugno Papa Francesco ha ribadito che i tratti distintivi della vita cristiana sono servizio e gratitudine, non interessi personali, attaccamenti familiari o alla carriera. Il servizio.

Servizio e gratitudine sono i due aspetti al centro della riflessione che Papa Francesco ha fatto precedere alla recita dell'Angelus del 28 giugno, vigilia della Solennità dei Santi Pietro e Paolo. Commentando il Vangelo del giorno, nel quale siamo invitati a porre l’amore verso Dio al di sopra degli affetti, il Pontefice ha spiegato che non significa sottovalutare i legami familiari, ma viverli in modo purificato. Anche la corruzione – ha avvertito - deriva spesso da un amore e da un attaccamento alla parentela. Nel Vangelo Gesù chiede inoltre ai suoi discepoli la piena adesione alla Croce, e il Papa ha spiegato che il paradosso del Vangelo sta proprio qui, nel perdere la propria vita per ritrovarla in pienezza. Ha ricordato inoltre quelli che si stanno sacrificando per soccorrere i coinvolti nella pandemia.

In occasione della Solennità dei due apostoli di Roma, i santi Pietro e Paolo, Papa Francesco ha celebrato la Messa nella basilica vaticana con la benedizione dei palli destinati al decano e agli arcivescovi metropoliti nominati nell’ultimo anno. Nell'omelia ha ricordato l’esigenza dell’unità e della profezia. La cronaca.

Nella Solennità dei santi Pietro e Paolo il 29 giugno il Pontefice ha celebrato La Messa nella Basilica di San Pietro alla presenza dei fedeli, seppure in numero ridotto a causa della pandemia. Papa Francesco ha inizialmente benedetto i palli destinati al decano del Collegio cardinalizio il cardinale Giovanni Battista Re e agli arcivescovi metropoliti nominati nell'ultimo anno in segno di unità tra le pecore e il Pastore. Papa Francesco ha incentrato la sua omelia su due parole, unità e profezia. Ha sottolineato che Pietro e Paolo si sentivano fratelli anche se erano molto diversi tra di loro, perché è Dio che ci unisce nelle differenze. Ha fatto notare che Gesù ha provocato i due Apostoli chiedendo loro una scelta personale di adesione a Lui. Solo chi si apre alle sorprese di Dio diventa profeta, ha spiegato il Pontefice, affermando che anche oggi c’è bisogno di profezia e di testimoniare che il Vangelo è possibile.

(NEWS)

Il Pontefice ha mandato il suo cordoglio al Papa emerito Benedetto XVI per il decesso di suo fratello Mons. Georg. Ha sottolineato la delicatezza del suo predecessore nel comunicargli per primo la notizia della scomparsa ed ha rinnovato l’espressione del suo più sentito cordoglio e della sua spirituale vicinanza in questo momento di dolore.

In un videomessaggio il Papa ha presentato l’intenzione di preghiera per il mese di luglio, che è rivolta alla famiglia. Il Santo Padre invita i fedeli a pregare affinché le famiglie di oggi siano accompagnate con amore, rispetto e consiglio, e in particolare vengano protette dagli Stati.

Per concretizzare le proposte emerse dal Sinodo speciale per la regione panamazzonica è stata istituita la Conferenza ecclesiale dell’Amazzonia il 29 giugno. Come presidente del nuovo organismo è stato eletto il cardinale Claudio Hummes, arcivescovo emerito di San Paolo, già presidente della Rete ecclesiale panamazzonica, Repam, e tra i membri sono stati nominati tre rappresentanti dei popoli originari.

È tutto per questa edizione, a risentirci sabato prossimo alla stessa ora.

04 luglio 2020, 12:40