Cerca

Vatican News
Lo schermidore Lo schermidore Daniele Garozzo 

Daniele Garozzo: "La scherma sport nobile e leale"

All'asta di beneficenza ' We Run Together' per gli ospedali di Bergamo e Brescia il fioretto con cui ha gareggiato e vinto l'oro a Rio 2016

Luca Collodi - Città del Vaticano

Daniele Garozzo, catanese, 28 anni, è campione di scherma. Ai Mondiali di Mosca 2015 vince la medaglia d'Oro nel fioretto a squadre. Nel 2016 alle Olimpiadi di Rio guadagna l'oro battendo in finale l'americano Alexander Massialas, devolvendo poi il premio in beneficenza a Medici Senza Frontiere e all'associazione "La tenda di Cristo",  di Acireale, sua città natale e dove continua a vivere. Nel 2017, a Tiblisi, in Georgia, si laurea campione europeo di fioretto maschile. Ai mondiali di Lipsia, nel 2017, vince il bronzo individuale e l'oro a squadre. Agli Europei del 2018 ottiene 2 argenti nel fioretto individuale e a squadre. Oro a squadre nel fioretto anche ai Mondiali di Scherma di Wuxi 2018 (Cina).

Ascolta l'intervista a Daniele Garozzo

R. - Credo che sia molto bello, in questo momento così difficile, fare qualcosa di utile e mettere a disposizione degli altri ciò che si ha. In questa asta di beneficenza la Guardia di Finanza, gruppo Fiamme Gialle,  si è contraddistinta molto per la solidarietà e di questo ne vado fiero.

Cosa va all'asta?

R. - Il fioretto con cui ho gareggiato e vinto l'oro a Rio 2016

Come nasce la passione per la scherma?

R. - La scherma è uno sport nobile dove, oltre all'aspetto fisico, vi è una dimensione mentale predominante. Uno sport dove ancora valgono principi di onestà, lealtà e rispetto dell'avversario e per l'arbitro, elementi che purtroppo si sono persi in altri ambiti sportivi. Vorrei che la scherma fosse uno degli sport più praticati in Italia e mi auguro che possa essere così nei prossimi anni

Lo sport può migliorare la nostra società?

R.- Lo sport oggi può fare molto per migliorare la vita sociale. Credo che i valori presenti nello sport siano poco applicati nella vita. Se più ragazzini si ispirassero ai modelli olimpici e meno ad altri modelli, poco ammirabili, forse la nostra società migliorerebbe non di poco

Daniele mentre scarica pacchi in Vaticano per il Dispensario di Santa Marta
Daniele mentre scarica pacchi in Vaticano per il Dispensario di Santa Marta
28 luglio 2020, 11:42