Cerca

Vatican News
Notiziario in latino Notiziario in latino 

Radiogiornale latino del 15 febbraio

Le notizie vaticane in lingua latina con traduzione in italiano in onda ogni sabato alle 12.32. In sommario oggi: la pubblicazione dell’Esortazione post-sinodale del Papa; il messaggio di Francesco per la 28.ma Giornata mondiale del malato e la preghiera del Pontefice per i cinesi colpiti dal virus

«HEBDOMADA PAPAE»
Notitiae Vaticanae Latine redditae
die 15 februarii 2020

Ascolta l'edizione del radiogiornale in latino (15-02-2020)

(TITOLI)

Typis data est «Dilécta Amazónia», Adhortátio post-synodális Summi Pontíficis pro Ecclésia quadam amazónici vultus.

Núntius Francísci occurrénte duodevicésimo Dié Mundiáli Infírmi: vita semper tuénda est, etiam illa páuperum.

Papa orat pro cívibus Sinénsibus funésto morbo corréptis, áuspicans «quam cítius» sanatiónem.

Ex imo corde ómnibus vobis audiéntibus salútem dicit Catharína Agorelius, quae hanc editiónem nuntiórum latína língua prolatórum praebet.

(SERVIZI)

Adhortátio post-synodális Papae Francísci, die duodécimo februárii édita, «quáttuor magna sómnia» eius cóntinet pro Amazónia. Documéntum nova delíneat itínera evangelizatiónis et curae ámbitus et páuperum per ardórem missionárium et actuositátem laicórum. Síngula refert Míchaël Raviart:

«Dilécta Amazónia omni suo splendóre, rerum discrímine, mystério coram mundo se praebet»: sic íncipit Adhortátio apostólica post-synodális Dilécta Amazónia Papae Francísci. Adhortátio excérptis redúndat ex documéntis Conferentiárum Episcopórum amazonicárum Natiónum, sicut et carmínibus poëtárum, qui cum Amazónia coniúncti sunt. Summus Póntifex voluntátem suam illústrat voces expriméndi, quas Sýnodus in ánimo eius génuit. Quáttuor sómnia sua pro Amazónia partícipat, cuius sors – ad mentem Pontíficis – opórtet omnes sollícitet, cum – ipse dicit – terra haec etiam nostra sit, terra quae «de iúribus pauperrimórum conténdat», «divítias culturáles tueátur», «pulchritúdinem natúrae religiosíssime colat, cui nulla vi resísti potest» et ubi christiánae communitátes «in Amazónia eníti et incarnári váleant».

Inde a conceptióne usque ad naturálem términum vita tuénda est, nihil concedéndo actis euthanásiae vel voluntárii intéritus minístris adstántibus, paupéribus curis provísis. Haec scribit Francíscus in Núntio occasióne data duodetricésimi Diéi mundiális Infírmi. De his lóquitur Mónia Parente:

Evangélium Matthaéi – ubi, ad versículum duodevicésimum cápitis undécimi, dícitur «Veníte ad me, omnes, qui laborátis et oneráti estis, et ego refíciam vos» – Núntium éxcitat Papae Francísci occasióne duodetricésimi Diéi Mundiális Infírmi, superióre die 11 februárii celebráti, in festo Beátae Maríae Vírginis de Lourdes. Perícope Evangélii hábitum misericórdem Iesu erga sauciátam humanitátem patefácit – scribit Summus Póntifex – et benígnos óculos eius, qui indulgénter sanant. Papa áditum ad aegrótum potíssimum illústrat, qui non modo infirmitátis, sed etiam persónae eiusdémque famíliae póstulat curam. Exínde mónitus manat ad médicos atque ad omnes qui ad públicam valetúdinem se cónferunt, ut cor apériant ad ea quae coram fínibus sciéntiae rerum natúram excédunt, semper cum summo stúdio vitae et persónae cohaeréntes. Adhortátur Francíscus, ut etiam civitátes atque institúta infirmióribus pauperibúsque iustítiae sociális nómine suppéditent curas.

(NEWS)

Expléta Audiéntia Generáli féria quarta, die duodécimi februárii, hábita, Papa precem adiécit «pro frátribus nostris Sinénsibus» inaudíto funésto morbo corréptis. 

Haec ómnia sunt pro hac editióne; conveniémus íterum hebdómada próxima.

“HEBDOMADA PAPAE”

Notitiae Vaticanae Latine redditae

15 febbraio 2020

(TITOLI)

 

“Querida Amazonia”, pubblicata l’Esortazione postsinodale del Papa per una Chiesa dal volto amazzonico

Il messaggio di Francesco per la 28.ma Giornata mondiale del malato: tutelare sempre la vita, anche quella dei poveri

Il Papa prega per i cinesi colpiti dal virus, auspicando una guarigione “il prima possibile"

Un cordiale buongiorno a tutti voi in ascolto da Katarina Agorelius, che conduce questa edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

L’Esortazione post-sinodale di Papa, pubblicata il 12 febbraio, contiene i “quattro grandi sogni” di Francesco per l’Amazzonia. Il documento traccia nuovi cammini di evangelizzazione e di cura dell’ambiente e dei poveri, tra slancio missionario e ruolo dei laici. Il servizio di Michele Raviart:

“L’amata Amazzonia si mostra di fronte al mondo con tutto il suo splendore, il suo dramma, il suo mistero” - inizia così l’Esortazione apostolica post-sinodale, “Querida Amazonia” di Papa Francesco. L’Esortazione è ricca di riferimenti a documenti delle Conferenze episcopali dei Paesi amazzonici, ma anche a poesie di autori legati all’Amazzonia e il Pontefice sottolinea il desiderio di esprimere le risonanze che il Sinodo ha provocato in lui. Condivide i suoi quattro grandi sogni per l’Amazzonia, la cui sorte secondo il Pontefice deve preoccupare tutti perché questa terra, dice, è anche nostra. Una terra che “lotti per i diritti dei più poveri”, “che difenda la ricchezza culturale”, che “custodisca gelosamente l’irresistibile bellezza naturale” e dove le comunità cristiane siano “capaci di impegnarsi e di incarnarsi in Amazzonia”.

La vita va difesa dal concepimento al termine naturale, nessun cedimento ad atti di natura eutanasica e di suicidio assistito, siano garantite le cure ai poveri. È quanto scrive Francesco nel suo Messaggio per il 28.ma Giornata mondiale del malato. Ce ne parla Monia Parente:

È il Vangelo di Matteo – “Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro” (Mt 11, 28) – a ispirare il Messaggio di Papa Francesco in occasione della 28.ma Giornata mondiale del malato, celebrata lo scorso 11 febbraio, festa della Beata Vergine Maria di Lourdes. Il passo del Vangelo rivela l’atteggiamento misericordioso di Gesù verso l’umanità ferita, scrive il Pontefice, quel suo sguardo che accoglie e che guarisce con tenerezza. L’accento del Papa è posto sull’approccio al malato, che richiede non solo la cura della malattia ma della persona e della sua famiglia. Da qui l’invito ai medici, agli operatori sanitari ad aprirsi al trascendente davanti al limite della scienza, rimanendo coerenti alla predilezione della vita e della persona. Francesco esorta anche i governi e le istituzioni a garantire le cure ai più deboli e ai più poveri in nome della giustizia sociale.

 

 (NEWS)

Al termine dell’udienza generale di mercoledì 12 febbraio, il Papa ha rivolto una preghiera “per i nostri fratelli cinesi” colpiti dal coronavirus.

È tutto per questa edizione, a risentirci alla prossima settimana.

 

15 febbraio 2020, 12:40