Cerca

Vatican News
In onda "Hebdomada Papae" In onda "Hebdomada Papae" 

Hebdomada Papae: il Gr in latino del 29 febbraio

Le notizie vaticane in lingua latina con traduzione in italiano in onda ogni sabato alle 12.32. Il sommario di oggi: Il Papa chiede ai fedeli di staccarsi da tv e cellulare durante la Quaresima. La vicinanza di Francesco ai malati del coronavirus e ai sanitari che li curano. Il Papa agli iracheni: siete un campo di battaglia, prego per voi

 

                                                              «HEBDOMADA PAPAE»
                                                        Notitiae Vaticanae Latine redditae
                               Die vicésimo nono mensis Februárii anno bis millésimo vicésimo

Ascolta l'edizione del GR latino del 29 febbraio 2020

(TITOLI)

Papa petit a nobis ut quadragesimáli témpore ab instruménto televisífico ac teléphono gestábili abstineámus.

Propínquitas Francísci iis quos Coronárium virus invásit iísque qui eos curant.

Papa pópulo Iráquiae ait: vos estis campus belli, pro vobis orámus.

Ómnibus vobis audiéntibus salútem imo ex corde dicit Márius Galgano, qui hanc editiónem nuntiórum Latína língua prolatórum confert.

(SERVIZI)

Pulvis nos monet de nostrae exsisténtiae itínere: a púlvere ad vitam. Haec sunt verba Papae Francísci occasióne celebratiónis Fériae quartae Cínerum. Refert nobis Olga Sakun:

Praesértim in difficultátibus ac in solitúdine inspícimus nostrum púlverem, recordátus est Sanctus Pater in homília sua, occasióne Celebratiónis Eucharísticae in Basílica Sanctae Sabínae actae. Dóminus autem nobis ánimum áddidit: parvum quod sumus, in óculis Eius pretium magnum habet. Papa verbis suis ab ómnibus quaesívit audáciam, mémorans nos natos esse ut amémur, ac nati sumus ut fílii Dei fiámus. Papa Francíscus praesédit processióni paenitentiáli ab Ecclésia Sancti Ansélmi ad Basílicam Sanctae Sabínae. Eódem die, in audiéntia generáli Papa quaesívit ut instruméntum televisíficum exstinguámus et ab teléphonis gestabílibus recedámus, garrulitátem violentiámque verbórum deponámus et cum Iesu procedámus ad tam multa loca desérta quae nos circúmdant, scílicet ad “iter caritátis” faciúndum quod ampléctitur páuperes, senióres, reiéctos. In Féria quarta Cínerum, cum íncipit tempus quadragesimále, hoc est exhortátio Papae Francísci ad duódecim mília fidélium in audiéntia generáli Foro Sancti Petri congregatórum, post contiónes in Aula Pauli Sexti, témpore hiemáli hábitas.

Post novíssimos casus pestiléntiae quos vexávit Coronárium virus in divérsis natiónibus orbis terrarum, ánimum Papa rursus patefécit illis qui in terrárum orbe hac pestiléntia conflictántur. Agit Rosárius Tronnolone:

Papa Francíscus cupit osténdere propinquitátem suam iis quos Coronárium virus invásit iísque qui eos curant. In fine audiéntiae generális feria quarta hábitae, Sanctus Pater osténdit étiam suum adiuméntum civílibus potestátibus omnibúsque qui óperam dant infírmis iuvándis et pestiléntiae item arcéndae. Ad próximam aestimatiónem, personárum quas Coronárium virus invásit in orbe terrárum annumerántur círciter octogínta mília. Eárum saltem duodeoctogínta mília in Sínia continentáli recenséntur. Die décimo tértio mensis Februárii praetériti, Sanctus Pater perégit “oratiónem pro frátribus sinénsibus ut invéniant” – áddidit Papa – “quam celérrime iter bonae valetúdinis”.

(NEWS)

In salutatiónibus fidélium in Foro Sancti Petri congregatórum in audiéntia generáli, Francíscus recordátur dolórem Iráquiae atque orat pro Natióne quae, ínquit Papa, “pátitur bellum ex utráque parte”. Póntifex adhortátur fidéles Iráquiae ad tempus dicándum meditatióni Verbi Dei, participatióni Sacramentórum, ieiúnio ac oratióni, ad renovándam communiónem cum Deo et cum próximo.

Ad depugnándos abúsus contra minóres a clero perpetrátos, in Civitáte Vaticána et in Ecclésia quǽdam ália addúntur. In Offício Communicatiónis Sanctae Sedis, die Véneris praetériti, diurnáriis prǽbitae sunt normae peculiáres quae auxílium Conferéntiis episcopálibus férant de parándis et perficiéndis ratiónibus, quae spéctant ad tutélam minórum necnon ad incépta suscipiénda quae róborent cautiónes ac pugnam contra abúsus.

Haec ómnia sunt pro hac editióne, conveniémus íterum hebdómada próxima.

 

(ITALIANO)

                                                                      

                                                         «HEBDOMADA PAPAE»
                                                   Notitiae Vaticanae Latine redditae
                             
                                  29 febbraio 2020

(TITOLI)

Il Papa chiede di staccarci da tv e cellulare durante la Quaresima

Vicinanza di Francesco ai malati del Coronavirus e ai sanitari che li curano

Il Papa agli iracheni: siete un campo di battaglia, prego per voi

Un cordiale benvenuto a tutti voi in ascolto da Mario Galgano che conduce questa edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

La cenere ci ricorda così il percorso della nostra esistenza: dalla polvere alla vita. Queste le parole di Papa Francesco in occasione della celebrazione del Mercoledì delle Ceneri. Ce ne parla Olga Sakun:

Soprattutto nelle difficoltà e nella solitudine, vediamo solo la nostra polvere, ha ricordato il Santo Padre nella sua omelia durante la Santa Messa nella Basilica di Santa Sabina. Ma il Signore ci incoraggia: il poco che siamo ha un valore infinito ai suoi occhi. Nelle sue parole il Papa ha chiesto a tutti coraggio, ricordando che siamo nati per essere amati e che siamo nati per essere figli di Dio. Papa Francesco ha partecipato alla processione penitenziale dalal Chiesa di Sant´Anselmo alla Basilica di Santa Sabina. Lo stesso giorno durante l´udienza generale il Papa ha chiesto di spegnere la televisione, stacchiarsi dai cellulari, rinunciare a chiacchiere e violenza verbale e andare con Gesù verso i “tanti deserti” che ci circondano, in un “cammino di carità” che abbracci poveri, anziani, scartati. Nel Mercoledì delle Ceneri che dà avvio alla Quaresima, è stata questa l’esortazione di Papa Francesco ai circa 12 mila fedeli all’udienza generale in Piazza San Pietro, dopo gli appuntamenti della fase invernale trascorsi in Aula Paolo VI.

Dopo gli ultimi casi di contagio del Coronavirus in vari paesi del mondo, il pensiero del Papa è di nuovo andato a quanti, nel mondo, sono colpiti da questa epidemia. Il servizio di Rosario Tronnolone:

Papa Francesco desidera esprimere la sua vicinanza ai malati del Coronavirus e agli operatori sanitari che li curano. Alla fine dell’udienza generale di mercoledì, il Santo Padre ha sottolineato anche il suo sostegno alle autorità civili e a tutti coloro che si stanno impegnando per assistere i pazienti e che cercano di fermare il contagio. In base a recenti stime, le persone contagiate in tutto il mondo sono oltre 80 mila. Tra questi, almeno 78 mila sono casi registrati nella Cina continentale. Lo scorso 13 febbraio, il Santo Padre aveva rivolto "una preghiera per i fratelli cinesi”. “Che trovino - aveva aggiunto - la strada della guarigione il più presto possibile”.

(NEWS)

Durante i saluti ai fedeli in Piazza San Pietro per l’udienza generale, Francesco ricorda la sofferenza dell’Iraq e prega per il Paese, che soffre, dice, “una guerra da un lato e dall’altro”. Il Pontefice incoraggia i fedeli iracheni a dedicare tempo alla meditazione della Parola di Dio, alla partecipazione ai Sacramenti, al digiuno e alla preghiera, per rinnovare il rapporto con Dio e con il prossimo.

Il contrasto agli abusi su minori commessi dal clero compie in Vaticano e nella Chiesa un nuovo passo. Alla Sala Stampa della Santa Sede sono state presentate questo venerdì ai giornalisti le task force che assisteranno le Conferenze episcopali nella preparazione e nell'aggiornamento delle linee guida in materia di tutela dei minori e le iniziative messe in campo per rafforzare la prevenzione e il contrasto contro gli abusi.

È tutto per questa edizione, a risentirci alla prossima settimana.

29 febbraio 2020, 12:40